Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Palazzo San Gervasio
Codice fiscale/Partita IVA 95000410761
Comune Palazzo San Gervasio
CAP 85026
PEC comune.palazzo@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante Michele Mastro
Responsabile del procedimento
Nominativo GIANFRANCO TUFARULO
Email comunepalazzo@rete.basilicata.it
Telefono 097244246
Ruolo collaboratore
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene Castello Marchesale
Localizzazione
Localita' Palazzo San Gervasio
Indirizzo corso Manfredi corso Manfredi
Coordinate geografiche
Riferimenti catastali
Comune Palazzo San Gervasio
Foglio 31
Particella/e 147, 148, 149, 150, 151, 152, 153, 154, 155
Descrizione del bene
Natura prevalente Complesso architettonico
Complesso strutturale Castello Marchesale di Palazzo San Gervasio
Periodo di realizzazione Anno 1100
Valutazione espressa dal MiBACT Nessuna
Contesto L'immobile denominato "Castello Marchesa" di Palazzo San Gervasio, si trova nel cuore del centro storico della cittadina, contornato da abitazioni antiche ed è prospiciente la chiesa di San Nicola (chiesa Madre del paese). Attorno al Castello è nato il primo borgo di Palazzo San Gervasio intorno all'anno 1000.
Sintesi morfologica e tipologica Il castello di Palazzo San Gervasio risale all'epoca normanna, mentre il suo riattamento fu quasi certamente fatto eseguire su progetto di Federico II, che oltre ad essere un grande condottiero ed un sagace ed accorto politico, fu pure un valente ingegnere. La sua costruzione, come palatium regium, risale al 1050 circa; esso aveva prima forma quadrata, che è la forma tipica degli edifici militari normanni, con due torrioni ai lati a pianta quadrata e che, con il tempo e l'opera vandalica degli uomini, sono andati del tutto distrutti. Vi erano anche quattro bifore e una trifora centrali simili ad una loggia, che ancor oggi si possono scorgere, anche se murate; in seguito il primitivo disegno architettonico fu completamente modificato
Storia Lo studioso Bozza afferma che Palazzo San Gervasio sorse quando i saraceni distrussero Banzi e cita la Fonte Bandusia, che, secondo i suoi studi, pare sorgesse ad un chilometro circa dal paese. Le origini di Palazzo San Gervasio sono imprescindibilmente connesse a quelle del suo castello normanno-svevo, il Palatium Regium, dal quale il paese prende il nome, cos? come ne segu? le vicende storiche. Il borgo infatti, si è sviluppato intorno all'XI secolo, proprio a partire dal maniero, con la costruzione delle abitazioni per la gente che prestava i propri servigi ai signori che lo abitavano. Proprio di un "casale Gervasii" si parla in un documento del 1082 a proposito della donazione del paese da parte del figlio di Roberto il Guiscardo, conte Ruggero, al Monastero della SS. Trinit? di Venosa e infine, la bolla pontificia di papa Innocenzo II chiama "Palatium Sancti Gervasii", nel 1201, la cittadina. Durante la dominazione angioina, nel 1267, Carlo I d'Angi? rese il "tenimento di San Gervasio" un avamposto difensivo dell'intera Basilicata, affidando l'incarico di custode a Nicola Frezzano da Venosa. Alcuni documenti risalenti al 1281 testimoniano come la "marescallia di San Gervasio" fosse la sede delle migliori razze equine, allevate dai sovrani angioini.
Destinazione d'uso Non utilizzato
Periodo di fruizione Oggi il Castello è chiuso al pubblico in quanto necessita di interventi edili
Modalita' di gestione Diretta
Servizi attivi - Informazione
Servizi attivabili - Editoria e vendita di cataloghi
- Riproduzioni
- Informazione
- Organizzazione di mostre e manifestazioni culturali
- Iniziative promozionali
- Vigilanza e biglietteria
- Visita e vigilanza
Non fruibilita' La struttura necessita di interventi di rifinitura atti a rendere il bene fruibile dalla popolazione e dai visitatori. L'immobile è stato oggetto di una recente ristrutturazione strutturale a cui non è seguito nessun intervento per renderlo agibile.
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione Recentemente si è avuto un processo di consolidamento e restauro principalmente delle parti strutturali dell'immobile quali murature e solai piani ed inclinati nonchè di interventi sulle volte. Oggi per? questo è stato solo un inizio dei lavori in quanto mancano completamente tutte le opere di rifiniture sia interne che esterne atte a rendere agibile e fruibile il Castello Marchesale.
Risorse necessarie per opere murarie 3000000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 800000
Risorse necessarie per altro 0
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta L'Amministrazione è disponibile a forme di gestione diretta
Disponibilita' a forme di gestione indiretta L'Amministrazione è disponibile a forme di gestione indirette
Risorse aggiuntive
Sostenibilita' gestionale Attualmente non esiste un piano di gestione
Sostenibilita' finanziaria Attualmente non è possibile ipotizzare nessun tipo di sostenibilit? di gestione
Vincoli su territorio Nessun tipo di vincolo
Conformita' urbanistica L'immobile è conforme agli strumenti urbanistici vigenti
Conformita' ambientale L'immobile è conforme agli strumenti urbanistici vigenti
Eventuali risorse aggiuntive
Stato della progettazione Progettazione preliminare