Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE AVIGLIANO - UdP (AREA PROGRAMA BASENTO-BRADANO-CAMASTRA)
Codice fiscale/Partita IVA 80001750761
Comune Avigliano
CAP 85021
PEC altobasento@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante Vito Summa
Responsabile del procedimento
Nominativo ROCCO CORONATO
Email rocco.coronato@rete.basilicata.it
Telefono 0971 499202
Ruolo Dirigente UdP - AREA PROGRAMA BASENTO-BRADANO-CAMASTRA
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene IL MONDO DI FEDERICO II° (MUSEO NARRANTE, MULTIVISIONE)
Localizzazione
Luogo culturale Grandi proiezioni sulle pareti interne della corte del Castello di Lagopesole, residenza di caccia dell'Imperatore Federico II, sulla ritmica di una narrazione dinamica ed intensa, accompagnano nelle ore serali il visitatore in un viaggio ideale nel tempo e nelle vicende del maniero e dei suoi protagonisti, in un coinvolgente spettacolo di multivisione. Le immagini si sovrappongono sulle pareti del castello destrutturandole e scomponendole al servizio della rappresentazione, mentre la voce e il volto di Remo Girone si prestano a narrare gli amori e le vicende del grande Imperatore. E per conoscere meglio lo spirito e la cultura dell'epoca, un allestimento artistico e polimediale nei volumi del Castello, invita alla scoperta dell'epopea federiciana. E da quest'anno il percorso del museo narrante oltre ad arricchirsi di nuove emozionanti attrazioni, quale un libro di circa 3 mt di larghezza che per incanto diventa schermo di proiezione per un nuovo racconto multimediale, amplier? la propria fruizione grazie ad un sistema di traduzione simultanea e sincronizzata in lingua inglese e tedesca.

Lo Spettacolo in Multivisione, che affianca per la stagione estiva lo straordinario Museo Narrante, partir? il 25 luglio e continuer? per tutto il mese di agosto con un fitto calendario al fine di agevolare la curiosit? dei turisti.
Localizzazione geografica Castello Federiciano di Lagopesole, Fraz. Lagopeposole, Avigliano, Potenza.
Il castello di Lagopesole, a pianta rettangolare e racchiuso fra quattro torri angolari, è posto in posizione collinare e domina l'intera valle.
L'alternarsi al suo interno di stili ed elementi architettonici variegati, evidenzia fasi costruttive diverse, alternatesi nell'arco dei secoli.
L'interno del castello è diviso da due cortili, mentre gli ambienti residenziali sono ubicati su due livelli e su tre lati intorno a quello maggiore, nella zona nord dell'edificio.
La scelta di posizionamento del castello e le sue imponenti dimensioni, adatte alle esigenze di sosta e di soggiorno, provano che l'imperatore Federico ha voluto Lagopesole proprio come residenza di caccia.
Attraversando un portale a sesto acuto decorato si accede all'interno del "cortile grande" del castello, da cui è possibile arrivare anche in quello più piccolo al cui centro è posto il pozzo della grande cisterna.

La parte più interessante del Castello, ubicata nel lato del cortile grande, è quella che d? accesso ad una bellissima Cappella di stile angioino e a diverse sale tra le quali quelle denominate "dell'imperatore e dell'imperatrice", di notevole pregio artistico. Il castello, per i suoi fregi e per l'alternarsi di stili che lo compongono, rappresenta uno degli esempi più belli e caratteristici di castelli federiciani nel Sud Italia.
Il Castello di Lagopesole, inserito all'interno della Riserva Nazionale Antropologica "Coste Castello", è aperto al pubblico ed è divenuto un vero e proprio contenitore d'arte.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale L'evento, che coinvolge tutta la comunit? dell'alto basento, è nato nel 2011.
Esso prende il nome da Federico II? di Svevia che, assieme a Melfi e Palazzo San Gervasio, furono sua residenza di caccia di Federico II.
Il sovrano fece ampliare il castello dal 1242 al 1250, probabilmente l'ultima fase di costruzione del maniero.
Anche il figlio Manfredi e la moglie Elena d'Epiro soggiornarono spesso qui, privilegiando il castello come sua dimora principale.
La realizzazione degli eventi MUSEO NARRANTE e MULTIVISIONE sono stati realizzati nei luoghi di Federico II?, oltre che con la partecipazione di attori professionisti, anche di gran numero di persone del posto.
Contesto Rivive a Castel Lagopesole la figura dell'imperatore Federico II di Svevia; l'iniziativa, uno spettacolo polimediale, che ha preso il via nel 2011e, ripercorre: la vita, la poesia, la scienza ed il Governo di uno dei personaggi più illuminati e avanguardisti del periodo in cui visse, ossia quello compreso tra il 1194 ed il 1250.
"Il mondo Di Federico II", questo il titolo della rappresentazione, ha esattamente queste finalit?: valorizzare il Castello attraverso l'utilizzo di tecnologie altamente specializzate; il risultato è una suggestiva animazione delle pareti del Castello.
A Lagopesole, Federico II era solito praticare, le sue arti liberali, ossia quelle intellettuali, essendo le sue dimore lucane, adibite più che altro al sollievo dalle fatiche.
Qui, infatti, ampli? la sua conoscenza della natura attraverso l'arte della caccia, e quella degli astri tramite l'osservazione del cosmo.
Il Mondo di Federico II si colloca tra gli attrattori più affascinanti della Basilicata; è interamente finanziato dalla Regione e attuato dalla Comunit? Montana Alto Basento.
Descrizione modalita' di gestione Costruito fra il 1242 e il 1250 sui resti di un preesistente edificio militare normanno per volere di Federico II di Svevia, che necessitava di una residenza di caccia e di soggiorno estivo, il Castello di Lagopesole gode di una posizione suggestiva dall'alto del colle.
Il Castello di Lagopesole, secondo lo storico Hubert Ouben, è un luogo unico, che parla della vita di Federico II e dei suoi lasciti culturali.
Oggi, grazie al Museo Narrante, è possibile rivivere l'emozione della vita di corte, gli eventi storico-politici e i personaggi che scandirono la vita dell'Imperatore.
Il tutto attraverso un viaggio interattivo e molto suggestivo, un allestimento artistico e multimediale dove risplendono le sfaccettature della variegata personalit? di Federico per scoprire, inoltre, la sua epopea.
Egli si diceva attirato dalla voglia di perfezione che voleva far confluire attraverso l'arte, la cultura, il governo, la convivenza civile e, più in generale, lo sconfinato "Stupor Mundi", cioè la curiosit? per il mondo.
Il "viaggio" ha inizio nella Sala della Carta Geografica e della Sfera, passando per quelle della Corona e della Corte, fino alle sale dei Reperti e delle Emozioni.
Caratteristiche significative Nel Castello di Lagopesole viene realizzato lo spettacolo multivisione "Il Mondo di Federico II" e l'allestimento museale, aperto tutto l'anno, come un museo "narrante", che vuole "affollare" di storie il Castello per trasferire al visitatore la cultura del "Mondo di Federico II", in piena armonia con la sacralit? del luogo.
Il visitatore pu? rivivere, nel cortile del castello, un'esperienza spettacolare ed emozionante complementare ed organica alla visita all'interno del museo.
Lo spettacolo serale, infatti, fondato su linguaggi innovativi consentiti dall'uso di tecnologie che integrano scenografie fantastiche alle straordinarie interpretazioni di grandi attori del Teatro Italiano tra cui Remo Girone (Federico II), Lorenza Indovina (Bianca Lancia), Antonio Manzini (Manfredi) e Rodolfo Bianchi (l'emissario del Papa), riveler? al visitatore immagini e storie di uno dei periodi più importanti della nostra storia.
Bibliografia M.E. Avagnina, Lagopesole: un problema di architettura federiciana, in Federico II e l'arte del Duecento italiano. Atti della III settimana di studi di storia dell'arte medievale dell'Universit? di Roma (Roma 1978), a cura di A.M. Romanini, I, Galatina 1980, pp. 153-174. Il castello di Lagopesole da castrum a dimora reale, a cura di A. Giovannucci-P. Peduto, Salerno 2000.

Raffaele Licinio, Castelli medievali: Puglia e Basilicata, dai Normanni a Federico II e Carlo I D'Angi?, Edizioni Dedalo, 1994, ISBN 88-220-6162-4.

Nicola Masini, Dai Normanni agli Angioini: castelli e fortificazioni della Basilicata, in AA.VV., Storia della Basilicata. Il Medioevo, a c. di C.D. Fonseca, Editori Laterza, pp.689-753, 2006, ISBN 88-420-7509-4.

Eduard Sthamer, Dokumente zur Geschichte der Kastellbauten Kaiser Friedrichs II. und Karls I. von Anjou. Band II: Apulien und Basilicata, Lipsia, Verlag Karl W. Hiersemann, 1926.
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive Incassi della vendita di biglietti.
Attivita' proposte Aggiornamento tecnologico delle attrezzature multimediali.
Potenziamento dei servizi di accoglienza (guide in lingua inglese).
Attivit? di marketing mirato soprattutto verso l'utenza scolastica al fine di superare la stagionalit? (estiva) delle presenze.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da 4 a 7 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Fruibilit? del MUSEO NARRANTE e della MULTIVISIONE.
Calendario attivita' L'evento MUSEO NARRANTE è fruibile per tutto l'anno.
L'evento MULTIVISIONE è fruibile solo per il periodo estivo considerato che si svolge all'aperto in orario notturno.
Piano dei costi € 150000 (€ 50000/anno) di cui:
a) € 70000 per il pagamento all'Agenzia del Demanio per la Puglia e la Basilicata del canone di utilizzo dell'immobile (€ 25000/anno);
b) € 80000 per il pagamento di spese di manutenzione ed aggiornamento tecnologico e di servizi specialistici (€ 30000/anno circa).
Piano dei ricavi € 75000 (€ 25000/anno) per vendita di biglietti.
€ 75000 contribuzione di soggetti istituzionali (regione, ecc.).
Partecipazione comunita' La gestione degli eventi è affidata alla pro Loco Castelagopesole che vede la partecipazione di gran numero dei giovani del posto.
Stato della progettazione Progettazione preliminare