Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Persona giuridica privata senza fine di lucro
Denominazione PERSONA LIBERA
Codice fiscale/Partita IVA 96072290768
Comune Potenza
CAP 85100
PEC angelonole@pec.it
Legale rappresentante VITO TELESCA
Responsabile del procedimento
Nominativo ANGELO NOLE
Email noleangelo@libero.it
Telefono 0971480250
Ruolo ricerca storica - turistica - culturale
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene CHIESA MARIA SS. AUSILIATRICE
Localizzazione
Localita' Potenza
Indirizzo Borgo Giuliano Borgo Giuliano
Coordinate geografiche
Riferimenti catastali
Comune Potenza
Foglio 14
Particella/e A
Descrizione del bene
Natura prevalente Edificio di culto
Periodo di realizzazione Fine secolo XVIII
Valutazione espressa dal MiBACT Nessuna
Contesto La chiesa, ubicata a Giuliano ex masseria - latifondo dei notabili Giuliani, fu costruita alla fine del XVIII secolo. Il latifondo che veniva denominata Masseria al Monte dell'Occhino, apparteneva al sig. Petraroli di Monopoli, il quale per atto del notaio Ciaccia Giandomenico la trasferì a Giacinto Giuliani il 7 febbraio 1775. Il latifondo, aveva una masseria con al centro un complesso edilizio costituito dalla casa padronale, i magazzini, l'abitazione del fattore, le stalle, i fienili e la chiesa. Un grande corte di sviluppava davanti alla casa padronale. Intorno alla corte si sviluppavano le case coloniche dei contadini che venivano impiegati stagionalmente nelle varie attività agricole.
Sintesi morfologica e tipologica la chiesa ha subito nel corso dei secoli diversi lavori di ottimizzazione di spazi e modifiche/ consolidamenti dei paramenti.
Storia Nel 1819 la proprietà passò in mano ai Viggiani, altra famiglio notabile di Potenza che ne rimase proprietaria fino al 1918, quanto l'intero latifondo fu venduto/ polverizzato ai contadini acquirenti. Rimase corte comune la corte del palazzo padronale (oggi piazza) e la chiesa.
Fonti:
atti notarili archivio di stato di bari
atti notarili archivio di stato di potenza

Destinazione d'uso Luogo di culto
Periodo di fruizione Tutti i giorni della settomana
Modalita' di gestione Diretta
Servizi attivi - Accoglienza
Servizi attivabili - Accoglienza
Non fruibilita' Il bene è ad alto rischio per la carenza del tetto, dei paramenti, della mancanza di un'uscita di sicurezza.
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione
Risorse necessarie per opere murarie 60000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 20000
Risorse necessarie per altro 20000
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta essendo un luogo di culto esiste già una gestione mista composta da famiglie residenti e dalla parrocchia.
Disponibilita' a forme di gestione indiretta disponibilità a tutte le attività di ottimizzazione dell'edificio ed eventualmente della valorizzazione.
Risorse aggiuntive risorse disponibili attraverso una colletta delle famiglie residenti
Sostenibilita' gestionale le spese su menzionate sono di natura straordinaria; si precisa la spese di gestione ordinaria sono ampiamente coperte e sostenute dalla comunità
Sostenibilita' finanziaria idem come sopra
Vincoli su territorio non ci sono vincoli
Conformita' urbanistica conforme alle norme urbanistiche
Conformita' ambientale conforme alle norme ambientali
Eventuali risorse aggiuntive risorse disponibili attraverso una colletta delle famiglie residenti
Stato della progettazione Progettazione preliminare