Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Ente o Istituto pubblico
Denominazione Comune
Codice fiscale/Partita IVA 81000110767
Comune Spinoso
CAP 85039
PEC comune.spinoso@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante Mario Solimando
Responsabile del procedimento
Nominativo MARIO SOLIMANDO
Email solimandomario@tiscali.it
Telefono 0971.954001
Ruolo Sindaco
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene Palazzo Ranone
Localizzazione
Localita' Spinoso
Indirizzo Via Vittorio Emanuele Centro storico 1
Coordinate geografiche
Riferimenti catastali
Comune Spinoso
Foglio 3
Particella/e 287
Descrizione del bene
Natura prevalente Fabbricato
Periodo di realizzazione Anno 1800
Valutazione espressa dal MiBACT Nessuna
Contesto Il Palazzo Ranone è un antico palazzo gentilizio del XVIII secolo posto in corso Vittorio Emanuele 1 a pochi metri da piazza Plebiscito; rappresenta nel contesto dell'alta Val d'Agri un punto di eccellenza sia paesaggistico che architettonico.
Sintesi morfologica e tipologica Il Palazzo Ranone si sviluppa su tre livelli aventi superficie lorda pari a 500 mc ciascuno, con un ingresso monumentale attraverso un magnifico e raffinato portale in pietra di Padula che introduce ad uno splendido cortile a cielo aperto sul quale si affacciano, per tre lati, finestre e balconi; sul quarto lato si ammira lo scalone che porta ai piani superiori. Al di sotto del piano di calpestio dell'atrio si sviluppa una cisterna di raccolta delle acque meteoritiche di circa 60 mc perfettamente efficiente.
Storia Il piano ammezzato del Palazzo Ranone era destinato al deposito delle derrate alimentari, mentre il piano nobile (2� piano) si sviluppa su due ingressi dalla scala di accesso. Subisce gravi danni nel terremoto del 1857 con il crollo di parte della facciata e di parte dell'ala destra del palazzo, mai più ricostruita, con una rimodulazione della funzione e della destinazione d'uso del piano nobile. Il recente restauro (completato ed in attesa di solo collaudo), attraverso l'utilizzo di tecniche moderne e di materiali tradizionali ha consentito di riportare all'antico splendore la struttura. Fonti: Documentazione comunale
Destinazione d'uso Culturale
Periodo di fruizione tutti i giorni
Modalita' di gestione Diretta
Servizi attivi - Guida e assistenza didattica
- Iniziative promozionali
Servizi attivabili - Gestione di raccolte discografiche, di diapoteche e biblioteche museali
- Accoglienza
- Informazione
- Guida e assistenza didattica
- Organizzazione di mostre e manifestazioni culturali
- Iniziative promozionali
Non fruibilita' Il Palazzo Ranone è in attesa di collaudo, in seguito alla conclusione degli interventi di restauro.
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione
Risorse necessarie per opere murarie 80000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 10000
Risorse necessarie per altro 60000
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta Gestione diretta nella fase di sturt up per verificare la fattibilità delle ipotesi progettuali legate alla fruizione dell'immobile. Per quanto riguarda la gestione sarà costituito un apposito comitato tecnico costituito da personale interno e da risorse umane che saranno individuate di volta in volta in base all'azione da realizzare.
Disponibilita' a forme di gestione indiretta Disponibilità ad una forma di gestione indiretta, come può essere la costituzione di una Fondazione in grado di gestire un azione specifica.
Risorse aggiuntive 0
Sostenibilita' gestionale Un possibile piano di gestione è quello legato all'ipotesi di destinare l'immobile quale sede dell'Accademia dei Sapori Lucani e Meridionali per la quale si prevede la costituzione di una Fondazione che vedrebbe tra i partners il Comune di Spinoso, la Regione Basilicata, l'Università di Basilicata e CCIAA. L'Accademia quale fulcro centrale di una triplice azione:
1^) formazione: creazione di una rete che colleghi Università, Associazioni cuochi, strutture ristorative lucane scuole alberghiere, al fine di promuovere una formazione specifica sulla validità della dieta mediterranea;
2^) ricerca: studiare l'impatto dell'alimentazione sulla salute umana. l'Accademia quale laboratorio che possa individuare "nuove ricette" per superare e/o attenuare disturbi alimentari (vedi il caso celiaci, diabetici).
3^) Promozione: l'Accademia si pone quale strumento di promo-valorizzazione delle eccellenze alimentari lucane attraverso utilizzando, in primis, il canale delle associazioni
Sostenibilita' finanziaria La sostenibilità finanziaria dell'intervento trova il suo fondamento nella considerazione che il servizio è a domanda privata. La formazione specializzata, attraverso Masters specifici, è sostenuta dal pagamento di chi richiede la formazione; la ricerca verrà finanziata attraverso la predisposizione di accordi con Università e Istituti di ricerca (CNR, CRA, Organizzazioni professionali e/o datoriali) e l'utilizzo dei fondi messi a disposizione dalla nuova programmazione 2014-2020.
Vincoli su territorio zona 3 del parco nazionale appennino lucano lagonegrese val d'agri
Conformita' urbanistica conforme
Conformita' ambientale si
Eventuali risorse aggiuntive 0
Stato della progettazione Progettazione preliminare