Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Montescaglioso
Codice fiscale/Partita IVA 80001380775
Comune Montescaglioso
CAP 75024
PEC aaggdemografici.montescaglioso@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante Giuseppe Silvaggi
Responsabile del procedimento
Nominativo MADDALENA DITARANTO
Email info@comune.montescaglioso.mt.it
Telefono 0835209245
Ruolo Assessorato Cultura
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene Musica popolare lucana e strumenti musicali della tradizione
Localizzazione
Luogo culturale Il movimento culturale di Montescaglioso, legato alla Pro Loco e alle associazioni di promozione culturale realizzano attivit? d'intervento di promozione e valorizzazione dei luoghi antichi, s? da stimolare un processo di riappropriazione degli antichi spazi abitativi e della identit? culturale da parte dei cittadini ai fini della fruizione residenziale ma anche delle occasioni di socialit?, economiche e culturali.
Localizzazione geografica Centro storico di Montescaglioso
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Linguistica (dialetti, ...)
- Artistica
- Saperi tecnici e artigianali
Valutazione interesse culturale Il presente progetto ha come scopo principale il recupero e salvaguardia della musica popolare lucana una tradizione essenzialmente immateriale, rappresentata dalle prassi, dalle rappresentazioni, dalle espressioni, dalle conoscenze, dalle attivit? e dal know-how delle comunit?, che le stesse riconoscono parte del loro patrimonio culturale. La stessa convenzione internazionale per la salvaguardia del patrimonio intangibile, adottata dall'Unesco nella XXXII sessione della Conferenza Generale di Parigi il 17 ottobre 2003, ratificata dal Parlamento Italiano con la Legge n. 167 del 27 Settembre 2007, ha universalmente sancito che il patrimonio demoetnoantropologico è costituito da elementi che meritano di essere salvaguardati sia dal punto di vista legale che sostanziale per le generazioni future. Tale patrimonio, continuamente replicato dalle comunit?, contribuisce a costruire l'identit? locale e ne costituisce l'eredit? soprattutto nei confronti delle nuove generazioni. Prima che il tempo possa definitivamente far scomparire tali tradizioni è necessario recuperarle, è necessario valorizzare eventi appartenenti alla memoria comune locale, riscoprire quei patrimoni musicali ormai a rischio di abbandono e rafforzare in questo modo il legame con il territorio da parte delle giovani generazioni.
Contesto Il contesto storico e culturale di riferimento è il mondo contadino con le sue occasioni di condivisione che scandivano lo scorrere della vita quotidiana. Contadini, operai che uscivano dal podere, dal lavoro, in occasione di matrimoni e funerali o di manifestazioni di piazza, di lotte, per cantare e ballare farsi sentire, momenti in cui si esprimeva la propria creativit?, la propria esistenza. L'occasione di raccontarsi, di raccontare la propria vita con il corpo e con la voce.
Descrizione modalita' di gestione La testimonianza diretta delle generazioni anziane, il canto, il racconto popolare sta scomparendo definitivamente.
Nel passato ci furono ricercatori e musicisti che hanno capito l'importanza della cultura orale per l'identit? di un paese, il valore nella capacit? dei cantastorie di improvvisare su metriche e temi tramandati nei secoli.
Caratteristiche significative Il linguaggio ritmico-sonoro della tradizione e il movimento ad esso strettamente connesso, il processo creativo nella sua duplice forma di produzione e ricezione, stimolano e facilitano lo sviluppo psico-affettivo, cognitivo e relazionale della persona nella sua individualit? e specificit? e nel suo rapporto con gli altri. Talvolta, la musica, la produzione di immagini sonore più o meno complesse e simboliche, offre, in maniera immediata, la possibilit? di entrare in contatto con il proprio mondo emotivo-affettivo più profondo, o una parte di esso, e di esprimerlo e condividerlo. La musica lascia una traccia nel mondo emotivo-relazionale dell'individuo, in un processo trasformativo reciproco. Non solo la capacit? della musica popolare di parlare un linguaggio comune e trasversale che unisce le differenti generazioni nel tempo, produce un radicamento della tradizione e un immediato segno distintivo di riconoscimento. La musica popolare, quindi, come la storia, rappresenta l'essenza stessa di un popolo. La Regione Basilicata è da questo punto di vista ricchissima di esempi che per il momento percorrono binari differenti senza mai incontrarsi, lo scopo del progetto è quello di legare tra loro le differenti esperienze in modo da creare una rete
Bibliografia Bibliografia
Biagi M. C. 1997. Carnevale di popolo a Roma tra il XVIII e il XIX secolo. Roma: Fratelli Palombi.
Biagiola S., ed. 1986. Etnomusica. Catalogo della musica di tradizione orale nelle registrazioni dell' Archivio Etnico Linguistico Musicale della Discoteca di Stato.
Tombesi R./ Tesi R., L'organetto diatonico. Storia, struttura, tecnica e didattica, Ancona 1993
Boccosi B. , Piccolo dizionario del fisarmonicista, Ancona 1957
Attilio Amitrano (a cura di), Metodo per l'Armonica a Mantice di Don Giuseppe Greggiati del 1842, Mori (TN), La Grafica, 2012, ISBN 978-88-97402-11-4.
F. Giannattasio, L'organetto. Uno strumento musicale contadino dell'era industriale, Roma, Bulzoni, 1979;
Sardegna 1. Organetto, a cura di F. Giannattasio-B. Lortat Jacob, LP con libretto, Roma, Cetra SU 5007
Sitografia
http://www.musicadibasilicata.it/
http://www.musicapopolareitaliana.com/
http://www.archiviosonoro.org/
http://www.reteitalianaculturapopolare.org
http://www.cpafisud.org
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive Saranno ricercati nuovi canali di finanziamento attraverso la ricerca di sponsor privati e utilizzando le piattaforme di crowfunding.
Attivita' proposte Attivit? proposte
Il progetto prevede una serie organica di azioni, che vedranno il pieno coinvolgimento sia dei gruppi target che dei diversi attori dei territori interessati che operano nell'ambito delle politiche delle tradizione popolare e culturale:
1) Attivit? di ricerca e raccolta di testimonianze scritte e orali e realizzazione di video e interviste relative alle peculiarit? culturali specifiche dei territori;
2) Realizzazione di laboratori di scambio intergenerazionale, con il coinvolgimento degli anziani, testimoni viventi della civilt? ancestrale, e di gruppi di giovani, selezionati in base all'interesse e alle motivazioni
espresse;
3) Realizzazione di spettacoli basati sulle espressioni artistiche e musicali di alto livello con lo scopo di fare emergere i giovani talenti artistici e
promuovendo la musica popolare d'autore e le espressioni artistiche tradizionali;
4) Seminari di divulgazione e di sensibilizzazione ad ampio raggio;
5) Promozione dei risultati attraverso strumenti web (pagine internet, social network, blog e database riservato online).
6) Realizzazione di workshop e masterclass con i maggiori esperti di musica popolare nazionale ed internazionale.
7) Laboratori artigianali per la realizzazione degli strumenti musicali e per la loro riparazione.
8) Creazione di un gruppo di musica folk-popolare
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? No, da realizzare per la prima volta
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Campionato Mondiale dell' Organetto e della Fisarmonica Diatonica. Una cinque giorni alla fine di Agosto 2015 per selezionare il campione mondiale di organetto delle 5 categorie. Saranno selezionati tra circa 100 partecipanti provenienti da diversi paesi del mondo. La manifestazione principale sar? corredata da una serie di eventi a supporto di carattere musicale e di intrattenimento oltre che all'allestimento di una serie di stand con l'esposizione di prodotti eno-gastronomici.
Calendario attivita' 2015: Campionato Mondiale di Organetto e Fisarmonica Diatonica
2016:
- convegno internazionale sulla musica popolare lucana e sugli strumenti musicali tradizionali e Workshop formativi culturali tematici;
- realizzazione di un gruppo di musica popolare lucana che avr? la funzione di ambasciatore nel mondo della stessa;
- realizzazione di un campionato nazionale della Grande Lucania di organetto e fisarmonica diatonica.
2017:
- organizzazione di appuntamenti a cadenza mensile in Italia e all'estero del Gruppo di Musica Popolare Lucana;
- realizzazione corsi di formazione finalizzati alla creazione di figure professionali nell'ambito della costruzione di strumenti musicali tradizionali in particolare dell'organetto e fisarmonica diatonica.
Piano dei costi 2015
Bando di concorso, programma, manifesti, pubblicit? --- € 3500
Spese per organizzazione back office funzionamento mondiale ---- € 3.500
SIAE, autorizzazioni varie ----- € 1.800
Premi in denaro (borse di studio)---€ 2.000
Coppe, medaglie, oggetti ricordo, diplomi, riconoscimenti ---- € 3.750
Compenso Componenti Giurie e Direttore artistico € 8.400
Pernottamento e vitto Giurie, Direttore artistico e ospiti --- € 2.500
Pernottamento e vitto, rimborsi spese stranieri € 2.000
Rimborsi spese Ospiti d'onore, vincitori precedenti edizioni, ecc. € 3.400
Convocazione Artisti per spettacoli serali € 12.000
Spese servizi per lo spettacolo (service audio luci, palco sedie e affini) € 4.000
Spese per realizzazione dei percorsi enogastronomici nei centri storici € 3.000
TOTALE USCITE Primo Anno --- € 49.850

2016: € 60.000
2017: € 100.000
Piano dei ricavi 2015
Introiti da iscrizioni € 2.000
Sponsorizzazioni Private € 2.850
TOTALE ENTRATE ?.. € 4.850

2016
Introiti da iscrizioni € 2.000
Sponsorizzazioni Private € 4.850
TOTALE ENTRATE ?.. € 6.850

2017
Introiti da iscrizioni € 2.000
Sponsorizzazioni Private € 5.850
TOTALE ENTRATE ?.. € 7.850
Partecipazione comunita' Per raggiungere questa finalit?, il progetto mira al raggiungimento di una serie di obiettivi specifici, in modo da consentire il graduale coinvolgimento della comunit? e l'attenzione delle :
1. Favorire l'incontro e lo scambio intergenerazionale sui temi del patrimonio culturale e la memoria storica del territorio, valorizzando il ruolo sociale e culturale degli anziani;
2. Rafforzare nei giovani il senso di identit? e di appartenenza al territorio come stimolo per combattere le difficolt? economiche e sociali e la riscoperta di un'identit? comune territoriale ed europea;
3. Valorizzare il talento artistico e le capacit? espressive legate alla musica e alla cultura tradizionale dei giovani residenti sul territorio individuato dal progetto ;
4. Contribuire a combattere la disoccupazione giovanile e il disagio sociale, favorendo l'inserimento professionale e nuove opportunit? lavorative legate alla cultura e alle espressioni artistiche.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile