Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI RIPACANDIDA
Codice fiscale/Partita IVA 01113300766
Comune Ripacandida
CAP 85020
PEC resp.utc.ripacandida@pec.it
Legale rappresentante VITO REMOLLINO
Responsabile del procedimento
Nominativo ROCCO ANTONIO MUSTO
Email comunediripacandida@yahoo.it
Telefono 0972644132
Ruolo RESPONSABILE UFFICIO TECNICO
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN DONATO
Localizzazione
Localita' Ripacandida
Indirizzo VIALE MARGHERITA SANTUARIO DI SAN DONATO
Coordinate geografiche LAT 40.913208 LON 15.730431
Riferimenti catastali
Comune Ripacandida
Foglio 20
Particella/e 4-5
Descrizione del bene
Natura prevalente Bene appartenente ad un complesso strutturale (se si, indicare la denominazione del complesso nel campo successivo*)
Complesso strutturale SANTUARIO, CONVENTO E GIARDINO STORICO
Periodo di realizzazione Fine secolo 1100
Valutazione espressa dal MiBACT Decreto emesso in data 12/09/2014 n? 134 (vedi allegato)
Contesto All'ingresso da nord-est dell'abitato, in viale Regina Margherita, vi è l'antichissimo santuario di San Donato vescovo, protettore della cittadina, con i suoi affreschi del 1500 e la sua storia millenaria. La chiesa sorge probabilmente su una costruzione più antica, che il pontefice Eugenio III elenca nella bolla del 1152 indirizzata al vescovo di Rapolla Ruggero.

Monumento nazionale, definito anche la «piccola Assisi lucana», presenta una semplice facciata, impreziosita dal bel portale del XVII secolo. L'interno a navata unica, è articolato in quattro piloni che definiscono tre campate coperte da volte a crociera, a sesto rialzato.

L'interessante ciclo pittorico rappresenta la Bibbia a partire dalla Resurrezione. Questi affreschi sono noti come la «Bibbia di Ripacandida». Sulle vele della prima campata, sono dipinti la Vita e Passione di Cristo, sulla parete di destra è rappresentato l'Inferno, in quella di sinistra è dipinto il Paradiso con il Cristo in trono circondato dagli Angeli, nella seconda e terza campata, si sviluppano i temi tratti dalla Genesi, che raffigurano Dio che separa la luce dalle tenebre, la creazione della terra, della luce, delle piante e delle stagioni, la creazione della donna, il peccato originale, il sacrificio di Caino e Abele. Troviamo quindi tre interessanti cicli di affreschi: il ciclo della Genesi, il ciclo Cristologico, il ciclo dei santi. Il ciclo cristologico dovuto ad Antonello Palumbo di Chiaromonte sul Sinni, il ciclo della Genesi e Santi, dovuto a Nicola da Novi, fa parte di questo ciclo il capolavoro San Francesco che riceve le stimmate.

All'interno è conservato un organo, uno splendido altare barocco, ed un dipinto raffigurante il Martirio di santa Giulia di Paolo De Matteis. Il santuario, uno dei più famosi della Basilicata, è gemellato con la basilica di San Francesco in Assisi e ha ricevuto in dono una reliquia del corpo del santo patrono d'Italia. Nel dicembre 2010 il santuario ottiene dall'UNESCO il riconoscimento di «Monumento messaggero di cultura di pace» per i profondi valori spirituali che da secoli trasmette
Sintesi morfologica e tipologica Monumento nazionale, definito anche la «piccola Assisi lucana», presenta una semplice facciata, impreziosita dal bel portale del XVII secolo. L'interno a navata unica, è articolato in quattro piloni che definiscono tre campate coperte da volte a crociera, a sesto rialzato.
L'interessante ciclo pittorico rappresenta la Bibbia a partire dalla Resurrezione. Questi affreschi sono noti come la «Bibbia di Ripacandida». Sulle vele della prima campata, sono dipinti la Vita e Passione di Cristo, sulla parete di destra è rappresentato l'Inferno, in quella di sinistra è dipinto il Paradiso con il Cristo in trono circondato dagli Angeli, nella seconda e terza campata, si sviluppano i temi tratti dalla Genesi, che raffigurano Dio che separa la luce dalle tenebre, la creazione della terra, della luce, delle piante e delle stagioni, la creazione della donna, il peccato originale, il sacrificio di Caino e Abele. Troviamo quindi tre interessanti cicli di affreschi: il ciclo della Genesi, il ciclo Cristologico, il ciclo dei santi. Il ciclo cristologico dovuto ad Antonello Palumbo di Chiaromonte sul Sinni, il ciclo della Genesi e Santi, dovuto a Nicola da Novi, fa parte di questo ciclo il capolavoro San Francesco che riceve le stimmate.
Storia La Chiesa di San Donato(Santuario), in assenza di documenti per la datazione della chiesa attuale, sorta su una preesistente chiesa. Alcuni studiosi ipotizzano che gli affreschi interni siano stati eseguiti a più riprese ed abbia seguito di poco l?ultimazione della struttura muraria, fanno risalire pertanto quest?ultima fra il XIII ed i primi anni del XVI secolo.
Nel 1152 la chiesa appare citata da una Bolla del Papa Eugenio III, insieme a quelle di San Zaccaria, di San Pietro e di San Giorgio; Anche se in alcuni scritti lasciati da seguaci di San Francesco si narra di un eremita vissuto in un eremo nei pressi di Ripacandida ?silva de Melfhia? morto, in profumo di santit?, il 14 novembre 1241, il quale apparso in sogno ad una donna di Ripacandida le chiese di interferire affinché la sua salma fosse traslata nella locale chiesa benedettina di Santo Stefano. Traslazione che avvenne con una solenne processione alla quale partecip? tutto il popolo di Ripacandida ed anche dei dintorni.
Annesso alla chiesa vi è un monastero del 1300 rimaneggiato nel corso dei secoli, con chiostro circondato da un deambulatorio.
Bibliografia
A. PRANDI, Arte in Basilicata, in AA.VV., Basilicata, Milano 1964, pp.
G. GENTILE, Storia, Arte, Testimonianze in Basilicata, Potenza 1975, pp. 30-32.
G. GENTILE, V. BELLUCCI, Il ciclo pittorico di Ripacandida, s.l.s.d.
A. RESTUCCI, Itinerari per la Basilicata, Vicenza 1981, pp. 195-198.
Destinazione d'uso Luogo di culto
Periodo di fruizione TUTTI I GIORNI
Modalita' di gestione Diretta
Servizi attivi - Editoria e vendita di cataloghi
- Sussidi e materiale informativo
- Riproduzioni
Servizi attivabili - Accoglienza
- Informazione
- Guida e assistenza didattica
- Organizzazione di mostre e manifestazioni culturali
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione
Risorse necessarie per opere murarie 800000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 600000
Risorse necessarie per altro 200000
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta Il complesso presenta una gestione mista tra il comune e la congregazione delle suore, con la possibilit? di incrementare l'offerta dei servizi mediante l'impiego di altre professionalit? esterne, quali guide turistiche ed altro. Potenzialmente la struttura pu? essere utilizzato a fini ricettivi, ipotizzando un percorso turistico religioso legato anche al prestigioso ciclo pittorico presente nella Chiesa di San Donato.
Disponibilita' a forme di gestione indiretta L'Ente è disponibile anche ad altre forme di gestione indiretta.
Risorse aggiuntive
Sostenibilita' gestionale NO
Sostenibilita' finanziaria La realizzazione del percorso turistico-religioso e il sistema di audioguide multimediale, costituiscono un forte attrattore turistico. Il complesso consentir? una buona ricettivit? mediante l'utilizzo delle stanze del convento, e dal ricavato dei fitti, permetter? la normale gestione della struttura e la sua sostenibilit? economica.
Vincoli su territorio SOPRINTENDENZA
Conformita' urbanistica Conforme
Conformita' ambientale Conforme
Eventuali risorse aggiuntive
Stato della progettazione Progettazione preliminare