Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Chiaromonte
Codice fiscale/Partita IVA 82000410769
Comune Chiaromonte
CAP 85032
PEC comune.chiaromonte@cert.ruparabasilicata.it
Legale rappresentante VALENTINA VIOLA
Responsabile del procedimento
Nominativo GIOVANNI PANGARO
Email sisma.chiaromonte@libero.it
Telefono 0973 571002
Ruolo Responsabile Area Tecnica
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene 13° GIORNATA DEL SAMBUCO
Localizzazione
Luogo culturale Comune di Chiaromonte
Associazione Amici del Sambuco "Pasquale Battista"
Localizzazione geografica - Riconoscimento come prodotto tipico e l'autorizzazione ad usare il marchio dell'Ente Parco Nazionale del Pollino;
- Attraverso l'Agenzia lucana di sviluppo e innovazione in agricoltura (ALSIA), abbiamo ottenuto il disciplinare di produzione per il liquore di fiori e per la marmellata di bacche, e stiamo pensando di ottenere il disciplinare per altri prodotti.
- Siamo riusciti a ottenere il riconoscimento, dalla Regione Basilicata, di prodotto tipico regionale, sia per il liquore di fiori che per la marmellata di bacche.
- Con Decreto del 05/06/2009 il Ministero delle Politiche Ambientale, Agricole e Forestali, apparso sulla G.U. n? 149 del 30/06/2009 supplemento n? 100, ha riconosciuto, in modo definitivo e nazionale, il liquore al sambuco di Chiaromonte, prodotto tipico regionale. Lo scorso mese di Aprile il Ministero delle Politiche Ambientale, Agricole e Forestali ha dichiarato il Liquore al Sambuco di Chiaromonte prodotto tipico nazionale.
- Siamo componenti della Condotta Slow Food Pollino Lucano.
- Abbiamo ottenuto la DE.CO. comunale come prodotto tipico del territorio
- Abbiamo partecipato all'edizione 2008 del Salone del Gusto di Torino "Terra Madre", riscuotendo un successo di pubblico e di vendite;
- Sin dal 2006 abbiamo realizzato dei servizi con la Rai regionale, che poi sono andati in onda sia nei servizi de "Il Settimanale", e sia su Rai International, tant'è che abbiamo avuto contatti anche da oltreoceano. Non si contano i servizi su carta stampata di varie testate giornalistiche, tra cui, nell mese di Marzo anche su "Salute" de "La Repubblica" a cura del Dott. Roberto Suozzi. Nel 2010 abbiamo avuto l'onore di rappresentare la Regione Basilicata sul volume "The Story of the Italian Wine from Earth to Heaven" di Vinitaly, presentato a San Paolo del Brasile in occasione di "Wine in the World 2010"
Descrizione del bene
Aree tematiche - Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale Il sambuco è radicato nella storia di questa comunità. Da secoli è usato nella gastronomia locale, anche se nei dintorni e nell'intero panorama regionale è del tutto sconosciuto come alimento.
Questa peculiarità ha fatto si che Chiaromonte sia definito il paese del sambuco
Contesto Sin dalla sua comparsa sulla terra, l'uomo ha imparato a cibarsi delle piante che l'habitat circostante gli offriva. Col passare dei secoli ha poi imparato che l'ambiente in cui viveva offriva anche ciò che gli occorreva per curarsi e non solo cibarsi, tant'è che la farmacopea moderna ha derivato tutto dalla esperienza dei secoli passati.
E' vero che il progresso e l'industrializzazione ha portato l'uomo a crescere tecnologicamente, lo ha portato a crescere come numero e ciò ha comportato il doversi impegnare per sfamare il sempre crescente numero di abitanti. Ovvero si è reso necessario derivare gli alimenti, in quanto ciò che la natura offriva spontaneamente non era più sufficiente per tutti. Questo processo si è protratto per alcuni secoli, e oggi lo stesso uomo si è reso conto che il cibarsi di alimenti pressochè sintetici, con sempre meno 'naturalezza' non è proprio l'eccellenza, e così si è passati alla creazioni di ambienti riservati come i Parchi naturali, in cui ricreare e preservare ciò che la natura una volta ci dava spontaneamente. Nei Parchi, il tempo e la cura dell'uomo, riesce a ricreare l'ambiente naturale di cui abbiamo sempre più bisogno. Il Parco Nazionale del Pollino, uno dei Parchi più grandi del mondo offre oggi una tale diversità di animali, piante, arbusti, ecc. che lo rende unico. Basti pensare che solo negli ultimi sono stati riscoperte decine di diverse tipologie di meli e peri, che si pensava fossero andate perdute, ma che la spontaneità dei luoghi ha preservato e rimette a nostra disposizione. Anche gli arbusti hanno subito le stesse vicende dei meli e dei peri che stavano scomparendo. Il Sambuco è uno di questi arbusti.
Descrizione modalita' di gestione Tra gli obiettivi a breve termine, c'è la realizzazione di una fattoria didattica interattiva, soprattutto per le scolaresche che vogliono imparare di più dal sambuco, anche se già adesso teniamo, su prenotazione, visite guidate nei luoghi dove è possibile studiare la pianta del sambuco, nonché preparare pietanze a base di sambuco con le proprie mani.
Caratteristiche significative E' una pianta indigena che si rinviene dalla pianura fino a 1500 metri di altitudine. Rustica sia per il terreno che per il clima, predilige però terreni morbidi ed umidi, freschi ed ombreggiati. Il legname della parte apicale della pianta o dei polloni è molto tenero, per questa caratteristica è stato usato per la produzione di zufoli e flauti che si credeva avessero proprietà magiche (celebre è la fiaba intitolata "il Flauto Magico"). Invece il legno della parte basale (biancastro) è duro e pesante, adatto per torniture ed oggetti da cucina. Il Sambuco viene utilizzato anche come pianta officinale e anche come colorante, infatti le sue bacche, le foglie e la corteccia sono impiegate per tingere la lana e seta rispettivamente di viola, di giallo e grigio. Tutte le parti verdi della pianta comunque sono velenose, tranne i fiori, con i quali si possono ottenere frittelle dolci e un tè depurativo, e le bacche da cui si possono ottenere marmellate e anche uno sciroppo contro le malattie da raffreddamento. La presenza di un principio attivo nelle foglie della pianta, conferisce loro propriet? insettifughe, infatti con le foglie si preparano decotti in grado di allontanare Afidi, Cocciniglie e Formiche.
Nella tradizione popolare, forse proprio per le sue molte virtù, l'albero era considerato inoltre sede della Dea Holda, che lo proteggeva e lo rendeva forte e vigoroso.
Seppure fragile e delicata, non necessit? di cure assidue, ma solo di ritocchi che le permettano di distanziarsi dal terreno su cui vive, cos? da dare ai suoi frutti la possibilit? di ricevere meglio i raggi del sole, e le gocce della pioggia. Si presenta come una pianta alta 3- 4 metri. I rami giovani sono verdi mentre quelli degli anni precedenti hanno la corteccia bruno cenere in cui spiccano le lenticelle prominenti. I rami hanno foglie opposte a due a due con il picciolo dilatato alla base e, quando cadono, lasciano sul ramo una cicatrice a forma di semiluna; sono ellittiche con la base cuneata, il margine è dentellato e l'apice termina con un dente acuto più grande di tutti gli altri. Il fiore è una infiorescenza a corimbo ombrelliforme di colore bianco- giallastro. I frutti del Sambuco sono delle drupe nere lucenti con il succo di color violaceo contenente due o tre semi. Il Sambuco ha propriet? diuretiche (aumenta la quantit? di urina eliminata nella giornata), sudorifere (aumenta la secrezione di sudore), lassative (facilita l'evacuazione delle feci), antireumatiche (contro i reumatismi), antinevralgiche (mitiga le nevralgie), emollienti (attenua lo stato di infiammazione).
Bibliografia -
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive Bilancio comunale
Quote dei partecipanti
Sponsor privati
Attivita' proposte Convegno
Concorso scolastico
Gare gastronomiche
Sagra
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da oltre 7 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Convegno
Concorso scolastico
Gare gastronomiche
Sagra
Calendario attivita' la gioranta del sambuco si articola ormai da oltre dieci anni secondo il seguente programma:
- convegno con esperti su tematiche che in qualche modo sono legate al sambuco;
- concorso per le scolareche del territorio con a tema il sambuco
- gare gastronimche
- sagra e fesata popolare
Piano dei costi Per l'anno 2018 l'iniziativa è stata già realizzata utilizzando i fondi di cui alla DGR 804/2017
Costo previsti:
2019: € 6.000,00
2020: € 6.000,00
2021: € 6.000,00
Piano dei ricavi L'Ente con la collaborazione dell'associazione Amici del Sambuco non ha fine di lucro e i ricavi della gioranta autofinanziano la manifestazione.
L'Ente promuove e investe nella gioranta del sambuco per il ritorno di immagine che ne ha il Comune di Chiaromonte, unico comune italiano ad organizzare una festa del sambuco.
Partecipazione comunita' L'evento è organizzato con la collaborazione dell'Associazione Amici del Sambuco. ma durante la giornata del sambuco tutta la poplazione sio coinvolge: a partire dalla raccolta dei fiori per la sagra serale; le scuole per il concorso, le casalinghe per la gara gastronomica.
Stato della progettazione Progettazione preliminare