Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Montemurro
Codice fiscale/Partita IVA 81000050765
Comune Montemurro
CAP 85053
PEC sindaco.montemurro@pec.it
Legale rappresentante Senatro Di Leo
Responsabile del procedimento
Nominativo SENATRO DI LEO
Email senatro76@tiscali.it
Telefono 0971753237
Ruolo Sindaco
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene IL FURORE DI LEONARDO SINISGALLI. L'AVVENTURA DELLE DUE CULTURE
Localizzazione
Luogo culturale Il luogo culturale è Montemurro, e la sua comunità nel suo complesso, perché Leonardo Sinisgalli nella sua straordinaria parabola umana, professionale e artistica, soprattutto nelle sue poesie e nei suoi racconti ha utilizzato il borgo natale come fonte di ispirazione. Ma limitare Sinisgalli solo a Montemurro, anche se luogo letterario, è fortemente riduttivo, perché la forte curiosità, non solo accademica nei suoi riguardi, va ben oltre la Regione Basilicata, (pur se è stato utilizzato come icona dell'identità regionale in occasione dei 150 anni delle celebrazioni dell'Unità Nazionale), e oltre l'Italia, in una dimensione fortemente europea. A Montemurro, inoltre è attiva la Fondazione Leonardo Sinisgalli (di cui il Comune è uno dei Soci Fondatori) che oltre a promuovere e valorizzare il personaggio e la sua proteiforme attività organizza da anni eventi di caratura nazionale.
Localizzazione geografica Tra gli elementi tangibili connessi al bene Sinisgalli, vi è la Casa delle Muse di Sinisgalli, un museo di 200 mq, aperto al pubblico, che è gestito dalla Fondazione Leonardo Sinisgalli e che conserva oggetti e beni appartenuti a Leonardo Sinisgalli e alla sua famiglia, ma anche un biblioteca di 3.000 volumi (interamente catalogata e presente in Opac e nel Servizio Bibliotecario Nazionale) appartenuta allo stesso poeta-ingegnere, a cui si è aggiunto nel 2017 e in questo scorcio del 2018, una costola di oltre 1000 volumi e riviste, recuperate nell'ambito dell'operazione di recupero denominata "SOS Sinisgalli", per un valore econoimico ragguardevole, superiore ai 50.000 euro.
Il fabbricato, acquisito dal Comune, era del padre di Sinisgalli dal 1922. E' l'unico Museo in Italia dedicato a Leonardo Sinisgalli. Articolato in 8 sale, in esso sono presenti diverse mostre, e nel corso dell'ultimo anno è stato visitato da circa 3.000 persone, per un totale di 15.000 nei suoi 5 anni di attività.
Ovviamente essendo Montemurro, il borgo che ha ispirato Sinisgalli nelle sue opere, è l'intero comune a presentarsi in interconnessione con il bene Sinisgalli. Infatti tantissime pagine sono state dedicate alle Chiese, ai sagrati, alle piazze, ai vicoli, ai frantoi e alle contrade, da Belliboschi alle Canalette, dalle Piane a Bellivergari.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Artistica
- Saperi tecnici e artigianali
Valutazione interesse culturale Leonardo Sinisgalli è stato uno straordinario testimone della cultura e dell'identità, non solo del paese che gli ha dato i natali, ma ha saputo cogliere gli elementi distintivi e peculiari dell'intero popolo lucano, basti pensare a quel superbo racconto, tratto da "Un disegno di Scipione e altri racconti" pubblicato per Mondadori nel 1975, intitolato "Girano tanti lucani per il mondo".
Sinisgalli nelle sue opere non si è limitato ad esaltare nostalgicamente la civiltà contadina. La sua particolarità sta proprio nel fatto di essere un intellettuale che ha operato creativamente nella grande industria a contatto con capitani di alto lignaggio come Olivetti, Pirelli e Mattei. Nei suoi saggi gronda un amore per l'artigianato e per gli oggetti creati dalla sapienza delle mani umane. D'altronde era figlio di sarto e il suo desiderio era quello di diventare un fabbro. Sinisgalli rappresenta un unicum nel panorama della cultura del Novecento tant'è che un volume della Bocconi dedicatogli in occasione del centenario della sua nascita è stato intitolato 'Un Leonardo del Novecento'.
L'acquisto dei diritti di Leonardo SInisgalli, nel maggio del 2018, darà nuovo vigore all'azione della Fondazione e contribuirà a restituire Leonardo SInisgalli nell'Olimpo della cultura del Novecento.
Contesto E' anomalo che un genio del calibro di Leonardo Sinisgalli sia nato in un paese lucano, in una delle regioni più povere d'Italia. Montemurro per giunta venne straziato da un devastante terremoto nel 1857 con circa 4.000 morti. Eppure il paese lucano, per quanto tormentato da terremoti e frane, è stato culla di personaggi di grande valore. Sembra strano che un borgo così piccolo abbia prodotto diverse eccellenze: il filosofo Giuseppe Capocasale, definito il Socrate cristiano, autore del Codice Eterno nel 1793; Carlo Infantino, detto il Sellitto, pittore tardo-manierista; Giacinto Albini, mazziniano e protagonista dell'insurrezione lucana nel 1860, nonché primo Governatore della Basilicata; Maria Padula e Antonello Leone, artisti straordinari; Domenico Montesano (1863-1930), matematico di fama nazionale, allievo del Cremona e del Battaglini. Leonardo Sinisgalli ha respirato un'aria pregna di stimoli e suggestioni. Lo stesso zio Giovanni era uomo notevole per cultura, fu lui, infatti, ad iniziarlo fin da ragazzo alla passione per la matematica.
Descrizione modalita' di gestione Un bene come Sinisgalli lo si tutela e protegge attraverso l'organizzazione di convegni, la presentazione di volumi delle sue opere o la ristampa di saggi critici sulla sua trasversale attività, l'allestimento di mostre, l'accoglienza degli ospiti nella sua Casa delle Muse. Ma anche aiutando docenti, ricercatori, studenti e appassionati nella loro ricerca. Aggiornando il sito web della Fondazione Sinisgalli, dove migliaia sono i documenti che è possibile consultare da ogni parte del mondo. Ovviamente la continuità nel tempo è condizione esiziale. Non a caso Comune di Montemurro e Fondazione, nel corso degli ultimi tre anni, hanno organizzato oltre 200 eventi di considerevole profilo, con illustri personaggi del mondo della cultura provenienti da ogni parte d'Italia e non solo.
Notevole è infatti e meritoria l'attività della Fondazione Leonardo Sinisgalli che opera non solo a livello locale, ma ad un livello nazionale, con l'organizzazione di eventi e mostre, con collaborazioni con enti di prestigio come la Bocconi, l'Unibas, Ente Parco dell'Appennino, Matera 2019 ecc. La storia di questa Regione, così come la sua cultura non possono prescindere da Leonardo Sinisgalli.
E la ripubblicazione delle sue opere faciliterà questo aspetto.
Caratteristiche significative Leonardo Sinisgalli è un genio anomalo del Novecento. Un curioso. E un visionario. Si è interessato oltre che di poesia e narrativa, anche di critica d'arte, di architettura, di matematica, di programmi radiofonici culturali, di riviste aziendali, di comunicazione e pubblicità, di cinematografia scientifica ecc. La sua unicità, il superamento delle due culture, l'amore per il sincretismo dei saperi sono elementi caratterizzanti la sua personalità e lo rendono particolarmente interessante. Rappresenta anche un modello etico. Un esempio di fusione di tradizione e modernità, di poesia e matematica.
Bibliografia Per la bibliografia di e su Leonardo Sinisgalli, si rimanda al sito della Fondazione (www.fondazionesinisgalli.eu), tanto è sterminata.
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive Nessuna risorsa comunale aggiuntiva. Sarà la Fondazione Leonardo Sinisgalli, che, con relativa convenzione con il Comune, gestirà gli eventi, eventualmente integrandole con proprie risorse.
Attivita' proposte Le attività proposte per il 2018, 2019 e 2010, di cui agli allegati, sono:
1. Pubblicazione di un saggio critico e/o opera sinisgalliana di poesia e/o prosa, con relativo convegno;
2. Lezioni sul Novecento, dedicate ai ragazzi dell'ultimo anno della scuola superiore.
3. Presentazioni di libri con autori di calibro nazionale e internazionale.
4. Convegni e mostre d'arte.

La somma necessaria per lo svolgimento delle attività, come da allegati proposti, è di 17.500 euro all'anno, per un totale nel triennio di 52.500 euro.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da 4 a 7 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Non vi sono attività realizzate per la prima volta
Calendario attivita' Il Furore di Leonardo Sinisgalli. L'avventura delle due culture, è un contenitore di eventi culturali di levatura nazionale che si svolge a Montemurro, da agosto a dicembre di ogni anno, e include eventi mostre d'arte, presentazioni di libri, convegni, pubblicazione di opere ecc. Il tutto si svolge tra l'ex Convento di San Domenico e la Casa delle Muse di Sinisgalli che in soli 4 anni ha avuto il record di presenze con 15.000 visitatori.

Nel triennio 2018-2020 si ripete, come ogni anno dal 2012, lo stesso schema organizzativo. A titolo esemplificativo si trascrive il palinsesto previsto per il corrente anno.

CALENDARIO 2018

6 ottobre,
Le lezioni del Novecento
Lectio magistralis di Pietro Greco su
Scienza e letteratura: tentativi di dialogo

13 ottobre,
Le lezioni del Novecento
Lectio magistralis di Maura Locantore su
Pier Paolo Pasolini tra conformismo e anticonformismo

20 ottobre,
Le lezioni del Novecento
Lectio magistralis di Michela Murgia

27 ottobre
Furor Sinisgalli
Presentazione del volume, Sinisgalli, la fisica e Civiltà delle macchine, di L. Bonolis, D. Cocolicchio, B. Russo
Inaugurazione mostra “La civiltà delle macchine… cinematografiche”, in collaborazione con la Cineteca lucana e con il Cine Foto Club “L. Sinisgalli”.

10 novembre,
Le lezioni del Novecento
Lectio magistralis di Rino Caputo
Umorismo, comicità e grottesco in Pirandello

17 novembre,
Le lezioni del Novecento
Lectio magistralis di Sandra Petrignani

23 novembre, San Domenico
Furor Sinisgalli
Convegno sulla poesia di Leonardo Sinisgalli.
Inaugurazione della Mostra “SOS Sinisgalli”, con il materiale recuperato dalla dispersione del patrimonio sinisgalliano: oggetti, libri, quadri.

Piano dei costi 2018: 17.5000 EURO
2019: 17.500 EURO
2020: 17.500 EURO
Piano dei ricavi I ricavi di un'attività fortemente culturale sono inquantificabili, perché l'immagine del Comune, la popolarità di Leonardo Sinisgalli, la fruibilità di un Museo, un vero e proprio gioiello, la quantità di servizi offerti ai visitatori o alle centinaia di migliaia di persone che da tutto il mondo accedono ai contenuti del sito, fornendo ausilio per la ricerca, non hanno assolutamente prezzo. Di certo la presenza di migliaia di persone nell'ambito del Comune lascia anche una traccia economica, ma i segni della cultura hanno i loro effetti nelle coscienze.
Partecipazione comunita' Organizzare a Montemurro un numero così alto di eventi significa coinvolgere la collettività montemurrese, quella valligiana e quella regionale in uno scambio osmotico di conoscenze e di stimoli. Montemurro si propone come capitale e volano, nel nome di Leonardo Sinisgalli, di eventi di eccezionale portata, in collaborazione con studiosi e agenzie culturali di grande lignaggio.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile