Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione comune di savoia di lucania
Codice fiscale/Partita IVA 80004110865
Comune Savoia di Lucania
CAP 85050
PEC comune.savoia@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante Rosina Ricciardi
Responsabile del procedimento
Nominativo ROSINA RICCIARDI
Email rosina.ricciardi@libero.it
Telefono 3287546275
Ruolo sindaco pro tempore
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene SALA POLIFUNZIONALE
Localizzazione
Localita' Savoia di Lucania
Indirizzo PIAZZA MARCONI - VIA SOLFERINO SALA POLIFUNZIONALE 1
Coordinate geografiche 40.56843 E 15.55076
Riferimenti catastali
Comune Savoia di Lucania
Foglio 26
Particella/e 262
Descrizione del bene
Natura prevalente Giardino o parco
Complesso strutturale Organismo tipologicamente legato al castello medioevale
Periodo di realizzazione Anno 1200
Valutazione espressa dal MiBACT bene vincolato tutt'uno con il castello
Contesto Parlando di "Fascismo" intendiamo un particolare momento storico, assai tristemente noto a tutti, che vissero gli italiani tra il 1922 ed il 1943. Furono anni in cui si ebbero grandi cambiamenti che portarono alla nascita del PRIMO REGIME TOTALITARIO cioè assoluto su tutto, cose e persone. Ma vediamo sinteticamente come si svilupp?.Il 23 marzo 1919 nascono a Milano i fasci di combattimento. Questo movimento politico era guidato da Benito Mussolini ed all'inizio non ottenne un grande successo. Nel 1921 il movimento diventa un vero e proprio partito, il Partito Nazionale Fascista, che si scaglia contro i socialisti e gli appena nati comunisti italiani. Il 28 ottobre 1922 Mussolini intraprende la Marcia su Roma, un vero e proprio colpo di Stato il cui successo ebbe come conseguenza l'ascesa al potere del Partito stesso. Mussolini, con alcune decine di migliaia di militanti fascisti si dirige verso la capitale rivendicando dal sovrano la guida politica del Regno d'Italia e minacciando, in caso contrario, di prendere il potere con la violenza.La manifestazione si conclude con successo quando il re Vittorio Emanuele III cede alle pressioni e minacce dei fascisti e proclama Mussolini capo di governo.Il 10 giugno 1924, in seguito ad una denuncia di brogli e violenze, il deputato Giacomo Matteotti viene assassinato e poco dopo Mussolini proclama le leggi fascistissime che decretano la dittatura a viso aperto. Accantonata la politica di pace, il duce punt? sulla necessit? di colonizzare nuove terre, giustificando la guerra che di l? a poco verr? dichiarata dall'Italia contro l'Etiopia.Francia, Gran Bretagna, e le altre potenze straniere, condannarono a viva voce la politica aggressiva di Mussolini, decretando sanzioni economiche contro l'Italia.Le sanzioni economiche contro l'Italia porteranno alla dichiarazione dell'Autarchia, ossia una economia che vede una nazione produrre ogni genere e bene al proprio interno senza bisogno di prendere da altre nazioni qualcosa e che si fonda sul dominio di sé stesso.Allo scoppio della seconda guerra mondiale Mussolini si dichiara inizialmente neutrale ma poi interviene al fianco della Germania. Durante la guerra l'Italia non ebbe importanza rilevante, si limit? a dare aiuti alla Germania ed avviare campagne militari fallimentari come la quella con la Grecia dove morirono molti nostri soldati. Fu proprio a questo punto che il Fascismo si incontr? con il Nazismo che intanto aveva preso piede in Germania. Il 29 aprile del 1945 Mussolini viene catturato ed ucciso dai partigiani che decretarono la fine del fascismo. Un carattere fondamentale del fascismo era il suo fare affidamento sulla propaganda. Il fascismo pretendeva di conoscere e organizzare ogni aspetto della vita dei cittadini. In questa linea ci furono la fascistizzazione dei mass media, perfettamente allineati al regime, la creazione di una cultura fascista, la riforma della scuola, la creazione di organizzazioni ricreative fasciste per i giovani e i bambini.
Sintesi morfologica e tipologica Il Museo si articola in due sezioni:
nella PRIMA si è provveduto a riannodare i fili della storia relativamente alla vicenda di Giovanni Passannante, illustre cittadino di Savoia, che il 17 novembre 1878 a Napoli, si rese protagonista dell?attentato alla vita di Umberto I re d?Italia ferendolo leggermente. Condannato a morte, l'anno successivo il Regio Decreto del 29 marzo commut? la sua pena capitale nei lavori forzati a vita. Inviato nell'ergastolo di Portoferraio, sull'isola d'Elba, a seguito del trattamento disumano cui fu sottoposto, costretto a vivere in assoluta solitudine e in perenne silenzio, Passannante cominci? a dare segni di squilibrio mentale. Dopo dieci anni di dura detenzione fu sottoposto a perizia psichiatrica dai professori Biffi e Tamburini che lo dichiararono non sano di mente, disponendone l'invio presso il manicomio giudiziario di Montelupo Fiorentino dove mor? il 4 febbraio 1910.
La comunit? di Savoia di Lucania ha inteso ricordare quel particolare e delicatissimo momento storico realizzando un film che narra appunto la vicenda politica ed umana del Passannante. La trasposizione cinematografica di quell?evento ha visto la partecipazione in veste di attori di tutta la cittadinanza di Savoia che ha collaborato attivamente affinché si realizzasse tale documento storico (di cui tra l?altro stiamo vedendo alcune scene). Presso la I Sezione del Museo è possibile dunque, assistere alla proiezione del film e prendere visione di alcuni documenti legati alla vicenda giudiziaria del Passannante tra cui alcuni manoscritti, esposti nel 1936 al Museo Criminale di Roma, testimonianza degli studi di antropologia criminale condotti sul detenuto Passannante.
La II SEZIONE del MUSEO è costituita dalla cosiddetta ?Collezione Vernotico? una raccolta privata acquisita dal Comune di Savoia di Lucania comprendente un ricchissimo patrimonio di libri, documenti, riviste, fotografie e cimeli.
Il materiale bibliografico è stato catalogato insieme a riviste, giornali e una significativa quantit? di cimeli storici e documenti. Le testimonianze si riferiscono ad un altro cruciale e critico periodo della nostra storia contemporanea: quello riguardante il periodo compreso tra la fine dell?800 e la prima met? del ?900 con un particolare attenzione al ventennio fascista.
La collezione, pur avendo natura di raccolta non omogenea - in quanto costituita da libri, riviste, giornali, documenti, materiali filmici e audiovisivi, fotografie e cimeli - è stata oggetto di selezione, individuazione ed organizzazione per sezioni.
Tali operazioni hanno permesso di offrire ai visitatori una ricca pagina di storia con moltissime testimonianze dell?epoca e pu? ora fornire spunti di approfondimento e piste di ricerca per studenti e studiosi.
Storia Area costruita intorno al 1200 ( F.Paternoster "l'antica Salvia" ) e nel tempo sfruttata come luogo di ristoro per gli abitanti del castello
Destinazione d'uso Non utilizzato
Periodo di fruizione NON FRUIBILE
Modalita' di gestione Diretta
Servizi attivi - Editoria e vendita di cataloghi
- Recapito del prestito bibliotecario
- Informazione
- Visita e vigilanza
Servizi attivabili - Accoglienza
Non fruibilita' ATTUALMENTE NON FRUIBILE PER MANCANZA DI RISORSE ECONOMICHE PER IL COMPLETAMENTO FUNZIONALE DEL BENE.
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione DA ULTIMO COMPLETATO IL RESTAURO SUPERFICE DECORATA PIANO PRIMO CASTELLO.
Risorse necessarie per opere murarie 150000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 130000
Risorse necessarie per altro 100000
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro PARTE STRUTTURALE DA COMPLETARE
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta Disponibile ad intese di programma istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione indiretta Disponibile
Risorse aggiuntive
Sostenibilita' gestionale Annualemte non presente piano di gestione
Sostenibilita' finanziaria La gestione finanziaria del servio a regime è sostenibile atteso che viene considerata una proiezione di costi pri ad �?�.5.000,00 con un ricavo stimato in �?�.10.000,00 ed utile di gestione di �?�.5.000,00.
Vincoli su territorio vincolo bene monumentale
Conformita' urbanistica il bene è conforme agli strumenti urbanistici di tutela
Conformita' ambientale si
Eventuali risorse aggiuntive
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile