Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE di RIVELLO
Codice fiscale/Partita IVA C/F 83000350765
Comune Rivello
CAP 85040
PEC protocollo@pec.comune.rivello.pz.it
Legale rappresentante ANTONIO MANFREDELLI
Responsabile del procedimento
Nominativo GIUSEPPINA TROCCOLI
Email giuseppina.troccoli@comune.rivello.pz.it
Telefono 0973/46004
Ruolo Assessora Alla Cultura
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene RESTITUTA LIBERTAS
Localizzazione
Luogo culturale Rivello-Comunità di Rivello.
Localizzazione geografica Localizzazione geografica: Rivello-Villa Comunale-Chiostro Monastero di Sant'Antonio-Sala dell'Ultima Cena-Centro storico-Contrade di Rivello.
Incidenza : paese, paesi limitrofi, ambito regionale e delle regioni limitrofe.
Oggetti: "Cup' cup'"-"Vestito tradizionale di Rivello" "Oggetti vari della tradizione di Rivello".
Prodotti: "Soperzata" "Prodotti dell'artigianato di Rivello"
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Linguistica (dialetti, ...)
- Artistica
- Saperi tecnici e artigianali
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale La Restituta Libertas è il documento che sancisce il riscatto di Rivello dal feudatario Don Oronzo Pinelli . E' inerente all'anno 1719 come testimoniato dall'interessante documento storico conservato negli archivi del Comune di Rivello , denominato, appunto, "Restituta Libertas". Il documento mette in evidenza come grazie al lavoro degli artigiani rivellesi, in prevalenza ramai, calderai e orafi e alle bont? culinarie rivellesi è stato possibile offrire al feudatario 55.000 ducati e "cantara quattro di salami di ogni bont?" per ottenere la libert? . Il contratto venne stipulato il sei gennaio 1719.
Contesto L'evento si svolge in più giornate ; una prima giornata individuata alla fine di aprile o agli inizi di maggio in concomitanza con il ponte del primo maggio, con l'intento anche di destagionalizzare il turismo; l'altra durante il mese di agosto, periodo in cui la presenza di turisti nel paese è significativa e ancora il 6 gennaio (in particolare il 6 gennaio 2019 ricorreranno i 300 anni della stipula del contratto che ha sancito il definitivo riscatto di Rivello e si darà adeguato rilievo alla ricorrenza storica).
Descrizione modalita' di gestione La Scuola ha il compito specifico di favorire la conservazione del bene intangibile "Restituta Libertas" che sarà parte integrante dell'ampliamento curricolare della stessa e quindi di tramandarlo alle nuove generazioni e sarà anche promotrice dell'organizzazione di convegni sull'argomento. Le Associazioni presenti nel territorio rivellese coadiuvate da volontari saranno coinvolte attivamente, anche sulla base di percorsi condivisi che stanno gi? praticando, nell'impegno di conservare usi, costumi , tradizioni, tipicità culinarie, tecniche artigianali e laboratoriali che rimandano al contesto storico-culturale della Restituta Libertas, un contesto florido per Rivello, ma che rischiano di essere sempre meno presenti nel territorio rivellese.
Caratteristiche significative L'evento "Restituta Libertas" si propone di riprodurre il contesto socio-economico e culturale di Rivello durante il millesettecento, puntando l'attenzione su quelle che erano le attività artigianali tradizionali che caratterizzavano il centro storico del paese e che hanno fatto di Rivello un paese operoso e capace di distinguersi nella Valle del Noce e anche oltre i confini nazionali. Testimonianze dell'opera degli orafi, dei ramai e dei calderai di Rivello sono pervenute anche dall'America e dalla Spagna dove in un paese spagnolo, Hellin, vi è una via dedicata ai calderai di Rivello. A settembre 2018 un gruppo di rivellesi si recherà ad Hellin dove il Sindaco di Rivello e il sindaco di Hellin sigleranno l'atto di gemellaggio fra i due paesi . I prodotti enogastronomici di Rivello rappresentati sulla tavola imbandita dell'Ultima Cena affresco cinquecentesco presente nel Monastero di Sant'Antonio trovano la massima espressione di tipici e di caratterizzazione locale nella "soperzata" ancora oggi prodotta con tecniche tradizionali nelle case della maggior parte dei rivellesi. Sono previsti anche eventi musicali inerenti la valorizzazione della musica popolare e della musica vocale barocca.
Bibliografia Restituta Libertas (1719)
Edizione a cura di Antonella Martorano Rivello Agosto 2000.

Si rimanda,ancora, agli allegati .
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive
Attivita' proposte Rievocazione storica in costumi di epoca. Incontri culturali. Convegni. Ricerca storiografica. Rappresentazioni teatrali in costume e multimediali. Allestimento di stand in collaborazione con le attività artigianali del territorio. Allestimento di mostre anche con oggetti da tutelare "cup' cup'" "vestito tradizionale di Rivello" e oggetti che rimandano al contesto settecentesco. Riproduzione botteghe dell'epoca. Degustazione di prodotti enogastronomici tipici ed in particolare della "soperzata".
Eventi di musica popolare e di musica vocale barocca.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da 4 a 7 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Attività realizzata per la prima volta il due maggio 2015.
Calendario attivita' Maggio/Agosto/Gennaio 2018-2019-2020
Piano dei costi Euro 60.000,00 (Euro 20.00 per annualità)
Piano dei ricavi 1.500,00 euro prima annualità
2.000,00 euro seconda annualità
2.500,00 euro terza annualità
Partecipazione comunita' Scuola- Associazioni culturali e sociali-Figuranti nella rappresentazione teatrale-Attività commerciali del territorio.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile