Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI FILIANO
Codice fiscale/Partita IVA 80004190767
Comune Filiano
CAP 85020
PEC comune.filiano@pec.it
Legale rappresentante Giuseppe NELLA
Responsabile del procedimento
Nominativo DOMENICO LACERENZA
Email amministrativo@filiano.com
Telefono 0971836010 int. 1
Ruolo Responsabile Area Amministrativa e Finanziaria
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene GIORNATA TIPICA DEL MIETITORE - LU MUZZ'C - 17 AGOSTO (12° Edizione)
Localizzazione
Luogo culturale Lu muzz'c , giornata tipica del mietitore è una manifestazione che dura da 9 anni, grazie alla Pro Loco di Filiano che la rappresenta con un percorso enogastronomico, che riscuote sempre un gran successo.
Localizzazione geografica Si svolge nelle vie di Filiano ricordando una figura ormai scomparsa e sconosciuta dai più giovani " IL MIETITORE" curvo nei campi con la falce in mano.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Linguistica (dialetti, ...)
- Saperi tecnici e artigianali
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale La mietitura e la trebbiatura del grano un tempo era una festa che coronava un lungo periodo di lavoro difficile e faticoso, reso ancora più pesante dal caldo afoso del periodo. infatti, il grano veniva tagliato intorno alla fine di giugno inizio luglio.
Era un lavoro che richiedeva un buon numero di persone, componenti della famiglia e altri che venivano in aiuto, ai quali l'opera doveva essere restituita. Il cibo consumato sul campo del mietitore era particolarmente abbondante, in quanto doveva rispondere alle necessit? nutrizionali e di reintegro per l'energie spese.
Contesto Nel mese di agosto per le vie di Filiano viene rappresentata "Lu Muzz'c", assaporando i principali pasti che venivano consumati durante la lunga giornata di lavoro. per riscoprire e promuovere un alimentazione di un tempo, ormai scomparsa.
Il visitatore pu? usufruire del vino e delle varie cibarie offerte nei 7 stand a disposizione.
Descrizione modalita' di gestione La giornata del mietitore iniziava intorno alle quattro e trenta prime del sorgere del sole con un primo pasto " lu cantariedd" (zuppa fredda di pane casereccio con vino aglianico e cipolla), verso le sette/ otto del mattino vi era la colazione "la luata 'r secch" (ciambotta, piatto caldo dai sapori tipicamente estivi, zucchine, cipolle, pomodori, patate e peperoni stufati, insaporiti con salsiccia stagionata), alle dieci e trenta seguiva uno spuntino, " lu prime muzz'c" (pecorino di Filiano - oggi D.O.P- e un uovo sodo con focaccia bianca), intorno alle dodici/tredici era la volta del pranzo, "lu dinn" (piatto di pasta corta lavorata a mano, condita con un sugo di pomodori e salsiccia stagionata), alle quattro e trenta del pomeriggio si consumava "la murenn'a" (frittata con verdure di stagione su un pezzo di pane casereccio), infine verso le sette e trenta di pomeriggio si consumava "la calata 'r lu sole"( biscotto da forno tradizionalmente gustato con un bicchiere di vino aglianico).
Caratteristiche significative Accanto all'aspetto gastronomico, notevoli consensi ha riscosso anche il risvolto spettacolare della manifestazione; due gruppi musicali e alcuni organettisti locali, situati in punti strategici del centro storico( Piazza SS Rosario e Piazza Autonomia) alleviano i visitatori sempre più numerosi.
E' possibile anche visitare la mostra "la mietitura in mostra" esposizione di una casa contadina e attrezzi antichi legati al ciclo del grano, reso possibile e a cura del Sig. Salvatore Mancini, collezionista di attrezzi della civilt? contadina.
Bibliografia
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive Il Comune ha messo a disposizione le migliori location per gli stand enogastronomici. L'evento è inserito nel PIOT " Feudi Federiciani - Terre di Aristeo" che intende valorizzare il territorio mediante un incremento della sua capacit? ricettiva e la struttura in linea con i diversi tematismi che interessano l'area.
Attivita' proposte Promozione dell'evento per la conservazione della memoria storica delle attivit? del passato nel settore agricolo del nostro territorio, con conseguente promozione turistica dei sapori locali.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da oltre 7 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Realizzazione di materiale divulgativo ed informatico.
Calendario attivita' Ripetizione delle attivit? con ampliamento nel corso degli anni, approfittando anche di personaggi che hanno vissuto direttamente la storia della nostra agricoltura e dell'evoluzione nel corso degli anni.
Piano dei costi € 65.000,00 - si spera in una contribuzione di fondi regionali di circa € 25.000,00.
Si auspica la partecipazione di imprenditori locali e la collaborazione di associazioni e cittadini per la buona riuscita delle attivit? progettuali, anche mediante contributi volontari, stimati in poche migliaia di Euro,
Piano dei ricavi Si stima un ricavo di circa € 50.000,00.
Partecipazione comunita' Le attivit? del Nostro Paese durante la manifestazione sono a piena disposizione per preparare i piatti tipici, con la collaborazione non solo della Pro Loco di Filiano, le aziende agrituristiche coinvolte, l'A.I.C. (Associazione Italiana Coltivatori di Potenza) e soprattutto il Comune di Filiano sede della manifestazione.
L'evento è stato patrocinato dalla Regione Basilicata, dall'A.T.P. di Basilicata e dall'UNPLI di Basilicata.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile