Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Venosa
Codice fiscale/Partita IVA P.I. 00751300765
Comune Venosa
CAP 85029
PEC comune.venosa@certposta.biz
Legale rappresentante Tommaso Gammone
Responsabile del procedimento
Nominativo EZIO MARIA ANTONELLO LAVORANO
Email ezio.lavorano@comune.venosa.pz.it
Telefono 0972308681
Ruolo Specialista Attività Culturali
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene Gesualdo Accademia Internazionale Antiqua Musica
Localizzazione
Luogo culturale Comune di Venosa – Castello del Balzo- XIIIEdizione Accademia G.A.I.A.
( Gesualdo Accademia Internazionale Antiqua Musica ).

Il progetto di realizzare in Basilicata una Scuola di alto perfezionamento è stato definito da Ateneo Musica Basilicata e dalla Regione Basilicata a partire dal 2005 a seguito della proposta formulata da Claudio Abbado di istituire in Basilicata la scuola di alto perfezionamento, sul modello della nota accademia Mahler fondata dal direttore d’orchestra italiano con sede a Vienna. Nella definizione delle linee generali della “scuola”, è stata a suo tempo stabilita una riserva di posti per giovani musicisti provenienti dalla Basilicata e dalle altre Regioni Meridionali e Insulari. Claudio Abbado, sin dalla prima edizione dell’Accademia, ha concesso alla manifestazione il patrocinio della propria Presidenza onoraria; la manifestazione si avvale altresì dell’Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica Italiana. In occasione delle celebrazioni 2013-2016 legate alle ricorrenze della morte e della nascita di Gesualdo da Venosa, fra i più grandi della storia della musica, l’accademia ha declinato la propria intitolazione ed i propri contenuti nell’ottica della salvaguardia e valorizzazione della musica antica e barocca, quale doveroso omaggio al musicista venusino. Carlo Gesualdo, definito così felicemente con l’espressione “ il Principe dei musici”. Pare quanto mai appropriato considerare Il musicista Carlo Gesualdo e la sua arte per la città di Venosa quale profilo di bene intangibile di enorme spessore per la comunità tutta, non solo locale, ma significativamente internazionale, divenendo un simbolo ed un attrattore culturale molto potente.
Localizzazione geografica Direttamente collegato all’Accademia si svolge il festival Internazionale “VENUSIA ACCADEMIA FESTIVAL- I LUOGHI DELLA MUSICA” che vede protagonisti docenti e allievi in concerti di grande richiamo per l’alto profilo artistico. A partire dal 2015, e per tutto il triennio il festival svilupperà la collaudatastruttura concepita quale rassegna di concerti destinati a “location” di grande valenza sotto il profilo turistico-culturale, quali il Castello del Balzo, l’Oratorio di San Domenico, l’Incompiuta ed altre evenienze di prestigio dei territori immediatamente limitrofi. Un’azione itinerante che intende promuovere la cultura musicale in bacini di particolare importanza sotto il profilo storico architettonico e che costituisce un indubbio fattore di promozione e valorizzazione degli stessi nell’ambito della più ampia pianificazione strategica della Regione Basilicata e dell’Azienda di Promozione Turistica di Basilicata. I concerti sono sempre preceduti dalla visita guidata ai luoghi che li ospitano, affidata ad esperti che ne illustrano la storia e le caratteristiche artistico architettoniche, nonchè da una introduzione all’ascolto, per una sempre più capillare diffusione della conoscenza del bene intangibile proposto.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Artistica
- Saperi tecnici e artigianali
Valutazione interesse culturale La valorizzazione del patrimonio immateriale legato alla figura di Gesualdo da Venosa appare un’azione unica sia a livello regionale che internazionale per il degno rilievo che per la prima volta viene dato alla figura di questo importante musicista. Attualmente su tutto il territorio nazionale mancano iniziative specificamente dedicate alla sua opera. La proposta raccoglie tra l’altro anche l’eredità del festival “TRACCE”, organizzato nel 2003, 2004 e 2005 in collaborazione con l’Associazione Ateneo Musica Basilicata, che ha visto l’interessata partecipazione del grande M° Claudio Abbado, e propone un’attività di contestualizzazione originale nei luoghi del Vulture.L’importanza a livello mondiale della figura di Carlo Gesualdo, quale uno dei più grandi artisti della storia della musica, in questi anni di celebrazioni ancor più significativamente ispiratore di nuovi di studi e e ricerche, supportate da pubblicazioni, incisioni delle sue opere, e finanche una ricca filmografia che trae ispirazione dalla sua affascinante biografia, rappresenta uno strumento molto potente di affermazione e percezione di una identità culturale del luogo e mira a costruire un’identità narrante che si fa interprete di una città ed un territorio, Venosa e la Basilicata. Un obiettivo ambizioso quello di giungere ad una consapevolezza identitaria che potrebbe trovare efficace strumento grazie alle azioni progettuali messe in campo. Venosa è città di “culture", straordinario esempio di integrazione tra quella latina, ebraica e cristiana, incisa in un ricco patrimonio storico e archeologico, sovrapposizione di civiltà che si sono succedute nei secoli. [...]
Contesto La sensibilità musicale del pubblico nei secoli produce una storia seminandotracce di persistenza o di oblio, di refrattarietà o di successo, ma scava anche un versante parallelo più coperto e difficilmente decifrabile: quello dell'evoluzione di convenzioni e abitudini d'ascolto che ispira il discorso dei contemporanei sulla musica. Non riusciremo mai, oltre la nuda lettera di qualche documento d'epoca, cosa provava un contemporaneo a figurarci e rivivere l'effetto dei madrigali dissonanti e anomali di un fuoriclasse come Gesualdo da Venosa, sulle orecchie dei suoi contemporanei del '500.
Per questo motivo, la sensibilità odierna che in vario modo rilegge o si riappropria di capolavori seminati nei secoli oscilla fra due estremi, non senza contrasti:da un lato, la filologia insegue l'idea di un suono originario che può far rivivere l'opera, unica chiave per avvicinareun'autenticità per sempre perduta; di qui gli studi sugli strumenti originali e sulle pratiche esecutive antiche, la rilettura di documenti prescrittivi coevi, fino all'analisi delle posture di musicisti su illustrazioni e quadri del tempo. D'altra parte, un'operazione meno vincolante di rilettura creativa e di riproposizione che costituisce uno strumento molto efficace di vitalità ed attualizzazione del patrimonio intangibile, quale nel nostro caso è la musica di Gesualdo: l'opera antica porta in dote una griglia di notazioni sulle quali la sensibilità moderna, soprattutto timbrica, può reinnestare suggestioni, rilanciare varianti proprie del nostro orizzonte percettivo. Carlo Gesualdo soprattutto vivrà attraverso la sua musica imperitura: le composizioni sacre, al pari di quelle profane, sono caratterizzate da una tecnica espressiva dove signoreggiano sentimenti ed emozioni forti ed assolutamente contemporanei, perché senza tempo. Carlo resterà il principe dei musici, il madrigalista che ha rotto l’equilibrio fra il testo musicale e la parola, il musico dell’inquietudine eretta a sistema, l’innovatore del cromatismo esasperato, della scomposizione tonale, della dissonanza. Igor Strawinsky con il Suo monumentum pro Gesualdo del 1960, dopo un silenzio durato secoli, sottolineerà la sua importanza nella storia della musica e la sua straordinaria attualità espressiva. Lo hanno seguito tanti suoi contemporanei e più vicini a noi: Claudio Abbado, Giovanni Sollima, Lucio Dalla, Pino Daniele, Franco Battiato, Roberto De Simone, a dimostrazione della vitalità ed incredibile modernità della sua opera, che tanto affascina e colpisce la sensibilità contemporanea per la sua unicità e grandezza. Mantenere viva e fruibile la sua opera, attraverso l’ascolto e lo studio delle sue musiche e di quel grandissimo repertorio coevo e appena posteriore, che fece la fortuna dell’arte italiana nel mondo, rappresenta un dovere imprescindibile , specie da parte di una comunità che da ciò trarrà incredibile visibilità.
Descrizione modalita' di gestione Le linee di indirizzo della X edizione dell’Accademia G.A.I.A.M. mirano a riproporre la struttura e la articolazione dei corsi, così positivamente sperimentati nelle prime nove edizioni. Focus del percorso formativo di alto perfezionamento lo studio del repertorio rinascimentale e barocco, con particolare attenzione alla produzione gesualdiana nell’ambito delle classi di musica vocale e di strumenti antichi: la pratica e l’esecuzione di questo genere di musica, attraverso un’analisi critica e di costante reinterpretazione filologica, costituisce certamente l’unico strumento valido per la salvaguardia e la rivitalizzazione del bene intangibile.Alla Direzione artistica dell’ Accademia insieme al corpo docente compete l’individuazione dei criteri per la selezione degli allievi nell’ambito delle categorie regolamentari previste, la composizione numerica delle diverse classi degli strumenti di studio (violino barocco, viola e viola d’amore, violoncello barocco, clavicembalo, musica rinascimentale vocale), l’analisi dei bisogni formativi espressi dalla platea dei candidati ammessi, la definizione del repertorio - su base tematica, con particola interesse per la musica rinascimentale e barocca, oggetto di studio e di approfondimento. La XIIIedizione della G.A.I.A., forte dei consensi già riscossi, fa leva ormai su una partecipazione
ancor più qualificata e differenziata di giovani musicisti. L’esperienza particolarmente positiva delle prime edizioni
e la capillare diffusione dell’iniziativa, che può contare su una presumibile circolarità informativa all’interno
delle scuole musicali d’Europa, costituiscono già da tempo un fattore determinante per il consolidamento
dell’attività accademica. [...]
Caratteristiche significative Si tratta di un dei più grandi musici della storia, che ha avuto i natali a Venosa e come tale indentifica il territorio.
Antonio Vaccaro, Carlo Gesualdo principe di Venosa. L'uomo e i tempi, Venosa, Edizioni Osanna, 2005;
O. Tarantino, Kathy Toma (a cura di), Gesualdo da Venosa. Fasti dimenticati di un principe del Rinascimento, Avellino, Luciano de Venezia, 2009;
F. Caloia, Gesualdo & Gesualdo. La vera storia del principe dei musici e del suo casato tra amore, morte, creativit?, musica e sacralit? dell'arte, s.l., Per Versi Editori, s.d.;
A. Cogliano Carlo Gesualdo. Il principe, l'amante, la strega, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2004;
Carlo Gesualdo omicida tra storia e mito, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2006;
Carlo Gesualdo da Venosa. Per una biografia, con CD Audio, Bari, Giuseppe Barile, 2015;
G. Savignano, Intrighi. Carlo Gesualdo tra musica, amore e morte, Salerno, Editrice Gaia, 2010;
R. Bancati, Tormenti, tenebre, visioni: bios athanatos. Carlo Gesualdo principe di Venosa (1566- 1516), Venosa, Edizioni Osanna, 1997;
Dizionario Biografico degli Italiani, voce Carlo Gesualdo di Ariella Lanfranchi, vol. 53, Istituto dell'Enciclopedia Italiana G. Treccani, 2000;
www.fondazionecarlogesualdo.it;
www.gesualdo.eu;
Filmografia
Herzog , Leprino, ecc.. ;
Numerosissime incisioni discografiche delle sue opere.
Bibliografia L’accademia ha dalla sua nascita sempre riscontrato la massima attenzione dei media nazionali, con collegamenti radiofonici ed interviste agli allora presidenti della Regione Basilicata in diretta su Radio 3 Suite, la più prestigiosa trasmissione dedicata alla musica classica, per raccontare della pregevole iniziativa e darne il doveroso risalto. A questo si aggiungono gli articoli sui giornali nazionali (La repubblica, Amadeus, Amica etc…), le incisioni discografiche dei concerti del festival collegato all’Accademia. Le attività del progetto sono regolarmente comunicate attraverso un sito web, direct mailing, newsletter web, app per smartphone, utilizzo di QR Code. L’attività della scuola e del relativo festival si interseca con quella del Comitato per le celebrazioni, con il quale condivide sinergicamente il percorso di studi e ricerche che stanno dando risultati importanti quali nuove pubblicazioni sulla figura del musicista venusino, incisioni criticamente aggiornatissime delle sue musiche ( da segnalare il prestigioso Premio Diapason d’Oro conferito all’incisione delle Sacrorum Cantiones di Gesualdo da parte del gruppo Odekaton diretto dal M° Paolo Da Col, registrato a Venosa e sostenuto dal Comitato nel programma per le celebrazioni). Tutti risultati tangibili d a comunicare e far circolare attraverso le attività del progetto per una massima diffusione e salvaguardia del bene intangibile in oggetto.
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive COSTI PREVISIONE 2017
1. RISORSE UMANE
1.1 COMPENSI LORDI PERSONALE ARTISTICO
1.1.1 Direttore artistico 3.000,00
1.1.2 Docenti 22.400,00
1.1.3 Collaboratori musicali 500,00
1.2 COMPENSI PERSONALE ORGANIZZAZIONE
1.2.1 Collaboratori amministrativi e di segreteria 1.500,00
1.3 COMPENSI PERSONALE TECNICO
*1.3.1 Personale di supporto per concerti cortei e feste
rinarinascimentali 6.000,00
2. SOGGIORNO PERSONALE ARTISTICO
2.2.1 Docenti 5.000,00
3. COSTI PER SERVIZI
3.1 Trasporto allievi e docenti 1.000,00
3.2 Tipografia 2.000,00
3.3 Azioni di visibilità – Promozione 1.000,00
3.4 Progetto grafico 2.000,00
3.5 Spese telefoniche e postali 500,00
*3.6 Noleggio locali, strumenti e service allestimento concerti 3.800,00
4. SPESE VARIE
4.1 Siae 1.000,00

TOTALE COSTI 48.200,00

[...]
Attivita' proposte G.A.I.A.M
Gesualdo Accademia Internazionale Antiqua Musica SETTEMBRE 2018/2019/2020
La scuola di alto perfezionamento si svolgerà come sempre nel periodo circoscritto intorno alla data della morte
del grande madrigalista, avvenuta l’8 settembre 1613, che diventa pretesto annuale di celebrazione. La scuola è dedicata all’approfondimento della tecnica e della prassi esecutiva sugli strumenti antichi a cominciare dal liuto, strumento preferito dal nostro musicista, prevede la presenza dei più illustri docenti del campo e l’affluenza di studenti ed appassionati da tutto il mondo, per la valorizzazione della musica rinascimentale e barocca che rappresenta uno dei patrimoni immateriali più pregiati del nostro paese. In particolare le origini lucane del grande madrigalista assieme a quelle dell’altra grande colonna della musica barocca, Antonio Vivaldi, fanno della
Basilicata un luogo di riferimento deputato naturalmente e culturalmente a coltivare e divulgare questo importante patrimonio artistico.
L’accademia, con il coinvolgimento delle più prestigiose figure di musicisti e didatti del settore, e con l’inevitabile attrattiva e circolarità di giovani musicisti appassionati a questo repertorio ed alla particolare prassi esecutiva, animeranno la cittadina di Venosa, con importanti ed inevitabili ricadute anche in termini economici e di sviluppo locale.

-VENUSIA ACCADEMIA FESTIVAL I LUOGHI DELLA MUSICA
Conseguente alle attività del corso, il festival vedrà protagonisti gli stessi docenti e studenti per un cartellone di grande prestigio che saprà attrarre appassionati da ogni dove.
Un appuntamento a cadenza annuale in settembre che porti nella nostra regione le risorse artistiche più qualificate del settore e giovani musicisti provenienti da tutto il mondo per una animazione culturale che contestualmente può rappresentare una valida promozione di un territorio, Venosa ed il Vulture, a forte vocazione turistica specie nel suddetto periodo dell’anno.A latere delle manifestazioni puramente artistiche sarà dato ampio spazio ad una sorta di percorso di riappropriazione del nostro genius loci che vanno ad articolare un climax di narrazione intorno a gesualdo ed al suo tempo di Gesualdo da Venosa:
L'intera Città è a festa per celebrare Gesualdo da Venosa. Uno specifico allestimento grafico con stendardi banner e gonfaloni con l’intento di restituire un'atmosfera e accogliere il pubblico, trasmettendo il senso del luogo.
-Il MAGNIFICO CORTEO STORICO “ Gesualdo e le sue famiglie”
il giorno 8 settembre di ciascun annoin concomitanza con la data della sua morte;
-A TAVOLA CON IL PRINCIPE
Questa ulteriore iniziativa inserita nel progetto fa leva sui fattori “distintivi” di attrazione regionale, presentando
elementi di innovatività sotto il profilo dei contenuti, della logistica e dell’organizzazione complessiva, attraverso i quali far emergere e riconoscere i tratti di “distintività” culturale in senso ampio. [...]
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da oltre 7 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare 2006 - 2014 Nove Edizioni Accademia Gustav Mahler - G. A. I. A. M.
Calendario attivita' Gesualdo Accademia Internazionale Antiqua Musica 31 agosto – 9 SETTEMBRE 2018
VENUSIA ACCADEMIA FESTIVALI LUOGHI DELLA MUSICA2 – 9 SETTEMBRE 2018

Gesualdo Accademia Internazionale Antiqua Musica 29 agosto – 8 SETTEMBRE 2019

VENUSIA ACCADEMIA FESTIVALI LUOGHI DELLA MUSICA31 agosto– 8 SETTEMBRE 2019

Gesualdo Accademia Internazionale Antiqua Musica 28 agosto – 6 SETTEMBRE 2020
VENUSIA ACCADEMIA FESTIVALI LUOGHI DELLA MUSICA30 agosto – 6 SETTEMBRE 2020
Piano dei costi COSTI PREVENTIVO 2018
1. RISORSE UMANE
1.1 COMPENSI LORDI PERSONALE ARTISTICO
1.1.1 Direttore artistico 3.660,00
1.1.2 Docenti e concertisti 25.000,00
1.2 COMPENSI PERSONALE TECNICO
1.2.1 Personale di supporto per concerti e custodi castello starordinaria

1 1.500,00
2. COSTI PER SERVIZI
2.1 Tipografia 2.440,00
2.2 Azioni di visibilità – Promozione 3.660,00
2.3 Progetto grafico
1.220,00
5. SPESE VARIE
5.1 Siae
1.000,00
5.2 Fitto strumenti e service 4.000,00
TOTALE COSTI 42.480,00

COSTI PREVENTIVO 2019
1. RISORSE UMANE
1.1 COMPENSI LORDI PERSONALE ARTISTICO
1.1.1 Direttore artistico 3.660,00
1.1.2 Docenti e concertisti 25.000,00
1.2 COMPENSI PERSONALE TECNICO
1.2.1 Personale di supporto per concerti e custodi castello starordinaria

1 1.500,00
2. COSTI PER SERVIZI
2.1 Tipografia 2.440,00
2.2 Azioni di visibilità – Promozione 3.660,00
2.3 Progetto grafico
1.220,00
5. SPESE VARIE
5.1 Siae
1.000,00
5.2 Fitto strumenti e service 4.000,00
TOTALE COSTI 42.480,00

COSTI PREVENTIVO 2020
1. RISORSE UMANE
1.1 COMPENSI LORDI PERSONALE ARTISTICO
1.1.1 Direttore artistico 3.660,00
1.1.2 Docenti e concertisti 25.000,00
1.2 COMPENSI PERSONALE TECNICO
1.2.1 Personale di supporto per concerti e custodi castello starordinaria

1 1.500,00
2. COSTI PER SERVIZI
2.1 Tipografia 2.440,00
2.2 Azioni di visibilità – Promozione 3.660,00
2.3 Progetto grafico
1.220,00
5. SPESE VARIE
5.1 Siae
1.000,00
5.2 Fitto strumenti e service 4.000,00
TOTALE COSTI 42.480,00

TOTALE COSTI 48.200,00
Piano dei ricavi I ricavi sono quantificabili, al momento non esattamente, nelle tassa di iscrizione all’accademia di € 100 per ciascun partecipante, nella vendita dei biglietti dei concerti e negli incassi dei banchetti storici. Già nel corso delle annualità si prevede un incremento degli stessi legato al versamento da parte degli studenti dell’accademia della tassa di frequenza, oltre quella d’iscrizione.
Partecipazione comunita' Il coinvolgimento delle personalità di chiara fama mondiale nel progetto ha sempre garantito un significativo ritorno d’immagine per tutti i partecipanti. A partire dalla cittadinanza, che ha sempre partecipato numerosissima alle iniziative realizzate dall’accademia, con la frequenza ai concerti, ai giovani musicisti che hanno completato con grande profitto un percorso formativo artistico di approfondimento della musica, specie quella antica, praticandola e dunque diffondendola grazie ai concerti, la cui primaria funzione è quella della rivitalizzazione di un patrimonio, quale quello intangibile di cui si tratta, rendendolo fruibile ai tanti partecipanti alle manifestazioni. [...]
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile