Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Acerenza
Codice fiscale/Partita IVA 80004220762
Comune Acerenza
CAP 85011
PEC protocollo@pec.comune.acerenza.pz.it
Legale rappresentante Fernando Teodoro Maria Scattone
Responsabile del procedimento
Nominativo FERNANDO TEODORO MARIA SCATTONE
Email fscattone.info@alice.it
Telefono 0971741129
Ruolo Sindaco
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene Ex pretura e carcere circondariale
Localizzazione
Localita' Acerenza
Indirizzo Largo Glinni Vecchio carcere
Coordinate geografiche
Riferimenti catastali
Comune Acerenza
Foglio 23
Particella/e 227
Descrizione del bene
Natura prevalente Fabbricato
Periodo di realizzazione Anno 1500
Valutazione espressa dal MiBACT Nessuna
Contesto Il palazzo che ospitava la pretura ed il carcere circondariale è situato nelle immediate vicinanze della Cattedrale di Acerenza. Esso si affaccia su una delle piazze più grandi del Borgo denominata largo Glinni, gi? largo Sicone. Il fabbricato è ubicato nel pieno centro del borgo antico, nella zona più importante dell'intero centro abitato.
Sintesi morfologica e tipologica Il palazzo si sviluppa su due piani collegati tra di loro attraverso una ripida scala interna. Essi presentano due ingressi distinti realizzati all'epoca per consentire la doppia utilizzazione dell'immobile, adibito a pretura e carcere circondariale. Il fabbricato è realizzato in muratura portante ed entrambi i piani sono caratterizzati da ampie volte a crociera. L'ingresso del piano inferiore, posto leggermente al di sotto della quota della piazza, presenta un porticato composta da due archi. Di pregevole fattura la romanella mediterranea perimetrale sul tetto.
Storia Al termine del dominio napoleonico con il reinsediamento del governo borbonico vengono adottati alcuni cambiamenti e promossi ingenti investimenti. Nella storia di Acerenza si tratta per lo più di interventi che mirano alla risistemazione di gran parte della pavimentazione del centro storico, lavori per il carcere civile e criminale ubicato al piano terreno del palazzo della prefettura e altri interventi sul patrimonio ecclesiastico e sulla casa comunale. "Archivio di stato di Potenza - Fondo intendenza della Basilicata 1806-1860 - Cartelle n.928-972-1369"
Destinazione d'uso Ristorazione
Periodo di fruizione Tutti i giorni
Modalita' di gestione Indiretta
Servizi attivi - Ristorazione
Servizi attivabili - Accoglienza
- Ristorazione
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione L'ultimo restauro coincide con il terremoto del 23//11/1980 che determin? danni in gran parte del centro abitato. Si cerc? di individuare, attraverso un piano di recupero, una metodologia che consistesse in interventi di riparazione (necessari) e in un consolidamento del promontorio abitato del centro storico.
Risorse necessarie per opere murarie 350000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 30000
Risorse necessarie per altro 0
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta si
Disponibilita' a forme di gestione indiretta no
Risorse aggiuntive
Sostenibilita' gestionale no
Sostenibilita' finanziaria no
Vincoli su territorio nessuno
Conformita' urbanistica si
Conformita' ambientale si
Eventuali risorse aggiuntive
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile