Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione Comune di Forenza
Codice fiscale/Partita IVA 86000050764
Comune Forenza
CAP 85023
PEC comune.forenza@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante Leonardo LORUSSO
Responsabile del procedimento
Nominativo LEONARDO LORUSSO
Email leorosso@libero.it
Telefono 0971772212
Ruolo Sindaco
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene Complesso Conventuale dedicato a S. Maria della Stella ed al SS. Crocifisso e piazzale antistante
Localizzazione
Localita' Forenza
Indirizzo Via Convento Zona Convento 162
Coordinate geografiche 40?51'27,60
Riferimenti catastali
Comune Forenza
Foglio 51
Particella/e A - 154
Descrizione del bene
Natura prevalente Edificio di culto
Periodo di realizzazione Anno 1680
Valutazione espressa dal MiBACT Nessuna
Contesto Subito fuori dal centro storico, in passato delimitato dalle mura medievali ora completamente scomparse, si trova il complesso conventuale dedicato a S. Maria della Stella ed al SS. Crocifisso, edificato nel XVII sec., che da allora ospita i Frati Minori Francescani tutt'ora presenti. Il Convento, che ha sostituito l'antico Cenobio di S. Caterina, risulta sufficientemente isolato rispetto all'espansione edilizia sviluppatasi negli ultimi decenni del secolo scorso.
Sintesi morfologica e tipologica Il Complesso Conventuale dedicato a S. Maria della Stella ed al SS. Crocifisso , è stato da subito un punto di riferimento spirituale per la sua capacit? di attrarre grandi gruppi di pellegrini.
I vari ambienti sono disposti intorno al chiostro, centro regolatore dell'intera comunit? conventuale, che permette l'accesso rapido ad ogni ambiente del complesso.
L'ingresso del Convento, in origine, avveniva da un solo portale, situato sulla facciata principale esposta a nord-est. Da qui si entra, ancora oggi, in un corridoio che conduce su un lato del chiostro, attraversando tutta la Chiesa, per giungere fino al retro.
Il settore sud-est ospita gli ambienti comuni dei monaci: il refettorio, la cucina e le dispense.
Il chiostro è costituito da un quadriportico, a pianta quadrata, ed è sostenuto da quattro pilastri angolari e da otto a sezione rettangolare. Al centro si trova la cisterna che raccoglie l'acqua sorgiva, fornisce. Il refettorio è situato nella parte opposta della Chiesa.
La Chiesa è a tre navate di sezione basilicale e rispecchia una tipologia molto rara degli insegnamenti francescani lucani. Le navate laterali presentano una copertura a crociera. Nelle navate laterali sono collocati alcuni altari a muro.
Il coro, coperto da una volta a botte, attualmente è diviso dalla navata centrale nella quale è stato ricavato l'altare-tabernacolo; questa struttura risale al periodo dei lavori settecenteschi che, interessando l'interno della Chiesa, le conferiscono caratteri distintivi tipici del barocco
All'interno della Chiesa troviamo un quadro raffigurante la Vergine "S. Maria della Stella", attribuito a Nicola Federici da Forenza, incastonato in un prezioso altare di legno intagliato e dorato.
Nella parete della navata centrale è racchiuso, in una nicchia posta sull'altare maggiore tra le statue in legno policromo dell'Addolorata e di S. Francesco, un prezioso Crocifisso in rovere attribuito a Fra Angelo da Pietrafitta, l'opera forse più bella ed intensamente espressiva della produzione lignea, caratterizzata da un toccante verismo dei Crocifissisti francescani di scuola calabro-sicula del Seicento, di cui Fra Umile da Pietralia ne è stato il caposcuola.
Nella Sacrestia sono conservati un inginocchiatoio del Settecento e dello stesso periodo una Pala lignea.
Storia Il complesso conventuale risulta essere stato completato nel I secolo.
Destinazione d'uso Luogo di culto
Periodo di fruizione Tutto l'anno
Modalita' di gestione Indiretta
Servizi attivi - Informazione
- Iniziative promozionali
- Pulizia
Servizi attivabili - Accoglienza
- Guida e assistenza didattica
- Organizzazione di mostre e manifestazioni culturali
- Visita e vigilanza
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione Manutenzione anno 2002
Risorse necessarie per opere murarie 185000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 15000
Risorse necessarie per altro 0
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta No
Disponibilita' a forme di gestione indiretta Si
Risorse aggiuntive
Sostenibilita' gestionale Il bene viene gestito dai Frati Minori Francescani.
Sostenibilita' finanziaria Dopo gli interventi di restauro del manufatto e di sistemazione del piazzale antistante, i costi di gestione continueranno a gravare sull'ente gestore a cui, limitatamente all'aspetto legato alla fruizione del bene ai fini culturali, si affiancheranno associazioni locali dotate di personale qualificato a fornire assistenza didattica e fungere da guide.
Vincoli su territorio nessuno
Conformita' urbanistica si
Conformita' ambientale si
Eventuali risorse aggiuntive
Stato della progettazione Nessuna