Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI MELFI
Codice fiscale/Partita IVA 85000420761
Comune Melfi
CAP 85025
PEC protocollo@pec.comunemelfi.it
Legale rappresentante Livio Valvano
Responsabile del procedimento
Nominativo ALESSANDRO PANICO
Email panico.a@comunemelfi.it
Telefono 0972251303
Ruolo Assessore Bilancio e Programmazione
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene EX LAVATOIO DI VIA BAGNO
Localizzazione
Localita' Melfi
Indirizzo via Bagno Bagno
Coordinate geografiche
Riferimenti catastali
Comune Melfi
Foglio 105
Particella/e 1014
Descrizione del bene
Natura prevalente Fabbricato
Complesso strutturale No
Periodo di realizzazione Anno 1600
Valutazione espressa dal MiBACT Nessuna
Contesto Il lavatoio si trova nel quartiere denominato del "Bagno", ambito in cui nel passato venivano "bagnate" le calci (procedimento tecnico necessario a spegnere la calce viva per renderla utilizzabile dalle maestranze edilizie). Nell'area vi era abbondanza di acqua corrente. Abbiamo indicato come periodo di realizzazione il 1600 in quanto gia'  dal secolo precedente nella zona (fuori le mura) vennero insediate maestranze (lavorazione pelli, botti, funi, ecc.) giunte al seguito della famiglia fiorentina degli Acciaioli. Prima nel quartiere trovavano sistemazione cittadini ebrei e recentemente rom.
Sintesi morfologica e tipologica Negli anni '60 con la distribuzione dell'acqua corrente nella citt�  il lavatoio perse la sua funzione e sulle vasche venne realizzato un immobile (semplice muratura di pietrame e tufo con copertura piana) attualmente utilizzato come cabina di trasformazione ENEL e come ricovero di automezzi del Comune e dell'Agenzia del Lavoro.
Storia Il recupero della fontana riproporrebbe alla memoria dei "nuovi cittadini" la maniera con cui, fino agli anni '60, si procedeva al lavaggio della biancheria. Insieme alla perdita della funzione dell'immobile si perse anche l'attivit�  delle lavandaie. Cittadine che lavavano la biancheria propria e dei "signori" e dei "nobili" della citta' .
Destinazione d'uso Altro
Periodo di fruizione Mai
Modalita' di gestione Diretta
Servizi attivi - Pulizia
Servizi attivabili - Accoglienza
- Informazione
- Caffetteria
- Ristorazione
- Iniziative promozionali
Non fruibilita' Il bene e' occultato dalle murature e dalla funzione di ricovero degli automezzi cui attualmente e' destinato.
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione 1960
Risorse necessarie per opere murarie 100000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 50000
Risorse necessarie per altro 10000
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro Illuminazione ed allestimento
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta Si
Disponibilita' a forme di gestione indiretta Potrebbe essere interessante realizzare un circuito regionale dei lavatoi (recupero del patrimonio culturale). Per rendere viva l'iniziativa sarebbe opportuno che fosse integrata dal coinvolgimento delle attivita' imprenditoriali private interessate ad un utilizzo aperto al pubblico (bar, piccola ristorazione, ecc).
Risorse aggiuntive No
Sostenibilita' gestionale Attualmente non esiste alcun piano di gestione.
Sostenibilita' finanziaria No
Vincoli su territorio La zona e' soggetta a vincolo paesaggistico, vincolo idrogeologico, vincolo sismico.
Conformita' urbanistica L'intervento e' conforme allo strumento urbanistico vigente.
Conformita' ambientale La proposta risulterebbe compatibile con le condizioni di miglioramento delle condizioni paesaggistiche.
Eventuali risorse aggiuntive No
Stato della progettazione Nessuna