Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI FARDELLA
Codice fiscale/Partita IVA 00513840769
Comune Fardella
CAP 85034
PEC protocollo@peccomunefardella.it
Legale rappresentante DOMENICA OROFINO
Responsabile del procedimento
Nominativo DOMENICA OROFINO
Email comunefardella@rete.basilicata.it
Telefono 0973/572051
Ruolo SINDACO
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene UNA RETE CULTURALE SULLA FIGURA DI CARLO MARIA SANSEVERINO
Localizzazione
Luogo culturale Il progetto sar? realizzato nel territorio del Comune di Fardella, ma con l'obiettivo di creare una rete culturale tra le comunit? che hanno incontrato, nella propria storia, la figura di Carlo Maria Sanseverino, una figura politica, umanistica, di grande spessore culturale, appassionato di teatro,poesia e grande mecenate.
Localizzazione geografica Il progetto è volto a valorizzare gli aspetti storici e naturalistici del territorio.
Le varie iniziative culturali saranno dirette a far conoscere angoli del territorio, oggi trascurati, giardini e palazzi del centro storico ( Palazzo De Donato - allestimento mostre; Palazzo Craparizzo - Museo della Parola - convegni e concerti; Parco Barbattavio - iniziative teatrali e racconti).
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Linguistica (dialetti, ...)
- Artistica
- Saperi tecnici e artigianali
- Santità e vissuto religioso
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale E' importante preservare e ricordare le nostre radici e gli elementi storici che ci accomunano ad altri paesi lucani e non. In tale ottica si è pensato di strutturare il progetto coinvolgendo i paesi che hanno conosciuto al figura di Carlo Maria Sanseverino. In particolare, Grumento Nova (l'antica Saponara) centro storico legato alla presenza periodica della famiglia con un castello ingrandito dallo stesso Sanseverino; Chiaromonte, sede del principato di Carlo Maria; Altomonte (in Calabria) dove il conte cre? un piccolo teatro nel palazzo e dove egli stesso mor? nel 1704; Paceco (in Sicilia) per il suo legame ai Fardella e per la stessa logica fondativa del comune di Fardella. Infatti fu Placido Fardella, marchese di San Lorenzo la Xitta nel 1606, e di conseguenza barone parlamentare con ulteriore voto, sposo, nel 1607, di Anna Maria Pacheco e Mendoza, nipote del Viceré di Sicilia don Juan Fernandez Pacheco, marchese di Villena e duca di Escalona, a fondare un nuovo paese, a cui diede il nome di Paceco, in onore della sposa e del suo cognome (con lieve mutamento ortografico dovuto alla perdita della H spagnola); nel 1609 quel borgo veniva eretto da Filippo III a principato.


Contesto La famiglia dei Sanseverino era una delle più illustri casate storiche italiane, la prima delle sette grandi Case del Regno di Napoli, arriv? a dominare su più di 300 feudi, 40 contee, 9 marchesati, 12 ducati e 10 principati distribuiti soprattutto tra Calabria, Campania, Basilicata e Puglia.
Carlo Maria Sanseverino, era nato ad Altomonte nel 1644 da Giovanni Sanseverino, conte di Chiaromonte, e da Delia Sanseverino, contessa di Saponara (Giovanni e Delia erano cugini); Carlo Maria spos? in Napoli il 7.2.1665, donna Maria Fardella, figlia del Principe di Paceco, don Giovanni Francesco, e di donna Topazia Gaetani.
Carlo Maria fu Conte di Chiaromonte e di Saponara e VIII Principe di Bisignano. Fu egregio nella arti caval- leresche, nella musica e nella poesia e gran protettore di letterati. Compose un bel dramma, l'Elidoro, ossia Fingere per vivere, e lo fece rappresentare dapprima in Calabria e poi in Basilicata. Mor? in Altomonte il 05.03.1704. Ebbe da Maria Fardella cinque figli: Giuseppe Leopoldo, Giovan Francesco, Aurora (poetessa dell'Arcadia) e Lilla.
Il paese di Fardella (dal nome della moglie Anna Maria Fardella) fu fondato sotto sua la protezione e per il suo volere, alla fine del XVII secolo.
Descrizione modalita' di gestione Il progetto ha carattere di continuit? e si esplica in più fasi. La finalit? è quella di unire molteplici aspetti culturali, legati alla figura del mecenate, facendo della figura storica una figura attuale. Particolare attenzione sar? data alla workshop di musicologia, con particolar interesse per il barocco musicale e giornate da dedicare alla poesia ed ai racconti in vernacolo. Inoltre, arte e scenografia del 600, con allestimento nel paese di opere. Workshop sull'alimentazione del 600, le origini dei Raskatielli (piatto tipico fardellese) e sulle coltivazioni dell'epoca (a partire dal Catasto onciario del 1753). Ed , infine, la memoria sugellata in un premio dedicato a Carlo Maria Sanseverino e destinato alle persone originarie dei paesi coinvolti nel progetto che si sono distinte nei vari settori della cultura.


Caratteristiche significative La caratteristica essenziale del progetto è la condivisione storica degli aspetti culturali tra più soggetti, che si realizzer? con carattere di continuit? ed in più fasi.
Bibliografia GATTA C., Memorie topografico-storiche della provincia di Lucania, Napoli 1732 (anast. Bologna 1966)
Mazzarese Fardella E., I Fardella attraverso i secoli, in Appella A., Latronico A., edd., pp. 71-76

Azzar? G., I Sanseverino conti di Potenza e di Saponara, in Studi meridionali, VIII (1975), fasc. 3-4, p. 339
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive Il Comune pu? destinare al progetto la somma di euro 5.000,00, per ogni annualit
Attivita' proposte 1. Workshop di musicologia, in tutti gli aspetti, con particolar interesse sul barocco musicale e la valorizzazione degli strumenti dell' epoca. Concerti e incontri con le scuole di diverso grado (con il convolgimento della Accademia Musicale Mediterrranea, con sede in Fardella).
2. Eventi culturali teatrali, con un' apertura ai madrigali, all'opera e operetta.
3. Giornate dedicate alla poesia ed al racconto in vernacolo, nochè incontri di discussione sulla necessit? di salvaguardare le lingue locali, presso il Museo della Parola.
4. Giornata del ricordo, attraverso proiezioni e stampe. La fotografia che si trasforma in opera d' arte e diventa una memoria permanente.
5. Una giornata dedicata al racconto delle favole di Basile (Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille, del 1634).
6. Arte e Scenografia, fondamentali nel 600, e uso delle maschere; allestimento nel paese con l'aiuto di artisti opere che raccontino l'esistenza e la vita.
7. Cielo e stelle, una serata guardando il cielo discutendo di mitologia e scienza.
8. Workshop sull'alimentazione del 600 e le origini dei raskatielli (piatto tipico fardellese) e sulle coltivazioni dell'epoca.
9. Un premio intitolato a Carlo Maria Sanseverino alle persone originarie dei paesi coinvolti nel progetto che si sono distinte nei vari settori della cultura.


E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? No, da realizzare per la prima volta
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Tutte le attivit? indicate al campo precedente dovranno essere realizzate per la prima volta.
Calendario attivita' Le attivit? previste nella rete culturale saranno realizzate a cadenza annuale, osservando il seguente calendario:
1) Maggio: Convegno sulla figura di Carlo Maria Sanseverino in collaborazione con i Paesi di Grumento Nova, Altomonte, Chiaromonte e Paceco.
2) Giugno - Giornate dedicata alla poesia ed al racconto in vernacolo, presso il Museo della Parola.
3) Luglio - Workshop di musicologia e concerti; Serata di discussione su mitologia e scienza, presso il Parco Barbattavio.
4) Agosto - Concerti di musica classica, Teatro, Giornata della memoria tra arte e scenografia; Workshop sull'alimentazione, in occasione della 39? Sagra dei Raskatiell; Conferimento del premio Carlo Maria Sanseverino.
Piano dei costi euro 90.000,00 (centomila euro) - 2018
euro 90.000,00 (novantamila euro) - 2019
euro 90.000,00 (ottantamila euro) - 2020
Piano dei ricavi I ricavi sono rappresentati dagli effetti positivi legati alla promozione del territorio. La presenza di turisti, si tradurr?, poi, in un ritorno economico per le attivit? commerciali, artigianali ed alberghiere del paese.
Partecipazione comunita' Nella realizzazione dei vari segmenti del progetto culturale sar? resa partecipe tutta la comunit?, in particolar modo tutti i soggetti presenti sul territorio: Associazione culturale "La Scaletta", Pro-Loco, Associazione anziani "Filo D'oro", Accademia Musicale Mediterranea e Comitato per Gemellaggio.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile