Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI CAMPOMAGGIORE
Codice fiscale/Partita IVA 80004930766
Comune Campomaggiore
CAP 85010
PEC comune.campomaggiore@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante NICOLA BLASI
Responsabile del procedimento
Nominativo PASQUALE DE ROSA
Email pasquale.derosa@rete.basilicata.it
Telefono 0971982261
Ruolo responsabile dell'Ufficio tecnico
Denominazione del bene tangibile
Nome del bene RESTAURO E VALORIZZAZIONE DI PALAZZO CUTINELLI RENDINA
Localizzazione
Localita' Campomaggiore
Indirizzo Campomaggire Vecchio Campomaggiore Vecchio
Coordinate geografiche 4057688 1609720
Riferimenti catastali
Comune Campomaggiore
Foglio 10
Particella/e 187-188
Descrizione del bene
Natura prevalente Complesso architettonico
Periodo di realizzazione Inizio secolo XVIII
Valutazione espressa dal MiBACT bene immobile tutelato de jure ai sensi degli art. 10 e 12 del decreto legislativo n.42/2004; procedimento di Verifica della Sussistenza d�??Interesse Storico Artistico in Itinere presso il MiBACT, il Soprintendente arch. Canestrini ha gi? effettuato un sopralluogo nel palazzo.
Contesto Il Palazzo Cutinelli-Rendina, situato al centro dell�??antico abitato di Campomaggiore, fu realizzato su progetto dell�??architetto Giovanni Patturelli (architetto campano formatosi alla scuola di Francesco Collecini) tra la fine del XVIII e il primo quarto del XIX secolo.
Si tratta di un edificio a pianta rettangolare, con torri scarpate nei quattro angoli (di cui se ne conservano solo tre), e con un cortile centrale. Un articolato sistema di tubi in terracotta convoglia le acque meteoriche all�??interno di una cisterna a croce greca realizzata sotto il cortile centrale.
Sintesi morfologica e tipologica Il PALAZZO, con uno stile architettonico tipicamente campano non molto diffuso nella Basilicata interna, si sviluppa su due piani: quello terra destinato ad ospitare stalle, cucine e ambienti di servizio, mentre quello superiore era riservato alla nobilt? e si componeva di saloni, stanze da letto, uno studio e una piccola cappella privata di cui si conservano in situ alcune tracce di affreschi. A nord-ovest è presente anche un livello seminterrato adibito a cantine.
Nel cortile interno, sono visibili le condotte interrate della cisterna di raccolta dell�??acqua piovana, trattasi di condotte in parte scavate nella viva roccia e in parte realizzate in muratura.
La presenza di una sequoia (vincolata quale esemplare arboreo di pregio) appena fuori l�??edificio sul lato sud-est è, invece, testimonianza dell�??esistenza di un orto botanico di cui si trova traccia anche in antichi carteggi.
Storia Il palazzo baronale venne costruito su disegno dell�??architetto Giovanni Patturelli tra la fine del XVIII e il primo quarto del XIX secolo, fu danneggiato dalla frana del 10 febbraio 1885, in seguito è stato oggetto di una sistematica spoliazione per tutto il XX secolo finalizzata al recupero di elementi architettonici di pregio e di pietre reimpiegate nella ricostruzione del nuovo centro abitato.
Recentemente il manufatto è stato oggetto di lavori per una parziale prima messa in sicurezza che hanno visto, tra gli altri interventi realizzati, la rimozione delle macerie dovuti ai crolli nei quali sono stati recuperati frammenti di pavimenti maiolicati, oggetti di uso quotidiano e un pregevole busto in marmo del XIX secolo, oggi esposti nel �??Museo dell�??Utopia�?� a Campomaggiore Nuovo. Resta ancora da indagare archeologicamente il piano delle cantine.
Destinazione d'uso Culturale
Periodo di fruizione tutto l'anno
Modalita' di gestione Indiretta
Servizi attivi - Pulizia
Servizi attivabili - Informazione
- Guida e assistenza didattica
- Organizzazione di mostre e manifestazioni culturali
- Iniziative promozionali
- Pulizia
- Vigilanza e biglietteria
- Visita e vigilanza
Completamento ai fini della valorizzazione e fruizione
Data e storia recente dei restauri e degli interventi di conservazione Palazzo Cutinelli Rendina al momento non è fruibile, poiché alcune strutture sono pericolanti e l�??interno del cortile presenta le condotte interrate della cisterna portate a vista, dal crollo pavimentale. Tuttavia è visitabile dall�??esterno e fa da sfondo scenico al palco dello spettacolo teatrale �??Citt? dell�??Utopia�?�, a seguito della messa in sicurezza del corpo di fabbrica in lato nord-ovest.
Risorse necessarie per opere murarie 1200000
Risorse necessarie per attrezzature e allestimenti 300000
Risorse necessarie per altro 0
Eventuale descrizione risorse necessarie per altro
Intese istituzionali
Disponibilita' a forme di gestione diretta NO
Disponibilita' a forme di gestione indiretta SI
Risorse aggiuntive Il palazzo è candidato sul portale ministeriale "Art Bonus"
Sostenibilita' gestionale Attualmente il bene viene gestito in forma diretta dal Comune di Campomaggiore che garantisce tramite il suo personale e tramite volontari la logistica legata alle visite per scopi culturali (apertura/chiusura su appuntamento a gruppi di visitatori, che giungono in pullman anche da fuori regione).
Sostenibilita' finanziaria Una volta posto in essere l'intervento di restauro delle murature del palazzoe di valorizzazione a scopi didattico culturali (mediante esposizione legata alle citt? ideali, all�??interno del più articolato percorso di visita della �??Citt? dell�??Utopia�?�), i costi di esercizio continueranno a gravare sull'ente gestore a cui, limitatamente all'aspetto legato alla fruizione del bene ai fini culturali, si affiancherebbero associazioni dotate di personale qualificato a fornire guida e assistenza didattica. In questo modo si garantisce la sostenibilit? della gestione del bene
Vincoli su territorio Rischio Idrogeologico
Conformita' urbanistica CONFORME
Conformita' ambientale CONFORME
Eventuali risorse aggiuntive Il palazzo è candidato sul portale ministeriale "Art Bonus"
Stato della progettazione Progettazione preliminare