Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI SPINOSO
Codice fiscale/Partita IVA 81000110767
Comune Spinoso
CAP 85039
PEC comune.spinoso@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante MARIO SOLIMANDO
Responsabile del procedimento
Nominativo MARIO SOLIMANDO
Email solimandomario@tiscali.it
Telefono 0971954001
Ruolo SINDACO
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene SPINOSO, SUONI E VISIONI - LA LUCE INCONTRA L'ARCHITETTURA
Localizzazione
Luogo culturale CENTRO STORICO
Localizzazione geografica Spinoso è sito su una collina che si affaccia sul Lago Pertusillo, in alta Val d'Agri. La sua posizione, al centro della valle, lo rende unico e affascinante.
Piccolo borgo collinare contornato da boschi di querce è castagne,è un belvedere naturale sul lago di Pietra del Pertusillo,una delle cornici naturali più affascinanti della Val D'Agri. L'abitato di Spinoso trae la sua origine dalla distruzione di GRUMENTUM per mano dei saraceni,quando i superstiti si rifugiarono alle pendici del Monte Raparo. Il casale detto "Casale Spinusii" fu infeudato dai Normanni. In epoca Sveva,Federico II lo don? nel 1239 a Guida Balbano che lo port? in dote matrimoniale a Ugone Sanseverino Conte di Tricarico.In seguito ne vennero in possesso i Minitolo,poi subentrarono i Guzman Carafa di Stigliano,i Principi Valle,gli Enriquez ed infine gli Spinelli di Fuscaldo ultimi feudatari fino al 1806.
Il centro storico che nella parte più presenta il Palazzo Baronale (XIV sec.) e la Chiesa Matrice,con la sua maestosa torre campanaria - realizzata nella prima met? del 500 su un preesistente tempio Basiliano - è ricco di chiese, palazzi e portali distribuiti in vicoletti, diradanti verso valle, distorti e strettissimi nati per spezzare la forza del vento.
Molti i Palazzi gentilizi di notevole bellezza, con maestosi Portali in pietra di Padula e facciate in cotto provenienti da antiche fornaci locali: in Piazza Plebiscito si incrocia il Palazzo delle Colonne di stile neoclassico, poi il Palazzo Romano e a pochi passi il Palazzo Ranone, di stampo settecentesco, sede di mostre ed incontri letterari di grande prestigio, ed ancora Palazzo Caputo, monumentale magione con parco annesso e il Palazzuolo Romano sede nell'800 della "Scuola Romantica Spinosese", fondata da Antonio Casale, una delle più importanti e prestigiose scuole del meridione, in cui si formarono illustri personaggi tra i quali Giacomo Racioppi e Giacinto Albini.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Artistica
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale Tenuto conto sul cui bene insiste e della sua particolare ricchezza in termini di architetture storiche tra cui i famosi portali di Spiniso, la valenza che ne scaturisce non pu? che essere quella di un contenitore altamente culturale la cui finalit? è quella di raccontare e promuovere con le immagini, parole, suoni e arte il borgo antico della ridente cittadina di Spinoso, la sua storia, i suoi saperi, le sue eccellenze siano esse elementi tangibili o intangibili del patrimonio identitario lucano. E' al contempo occassione per promuovere le storie e la storia del popolo lucano, i colori e i paesaggi di uno spaccato di territorio che ancora vive degli echi delle genti dell'antica Grumentum, occasione per rafforzare le strategie di promozione turistica avviate sul territorio.
Contesto Il contesto nel quale il "bene" si colloca è quello di una cornice spettacolare propria di un evento avente l'obbiettivo di tracciare un percorso emozionale e didascalico da realizzarsi mediante una visita virtuale. Il centro storico è un insieme di testimonianze architettoniche di pregio che si estendono dal medioevo alla fine dell'ottocento. Molti i Palazzi gentilizi di notevole bellezza, con maestosi Portali in pietra di Padula e facciate in cotto provenienti da antiche fornaci locali.
L'evento rappresenta l'occasione per appagare le aspettative di un turismo culturale innalzando in tal modo l'attrattivit? turistica e la variet? dei servizi offerti dalla cittadina di Spinoso. A tale target si aggiunge poi un target specifico amante dell'originalit? che ingloba un format visionario come "Suoni e visioni".
Descrizione modalita' di gestione Il format "Suoni e visioni" è un concept che prevede una vasta partecipazione di pubblico. L'evento, dall'alto contenuto spettacolare, comunica una serena stabilit? che contrasta con l'animato teatro raccontato dalle immagini. una vivacit? che suggerisce un'atmosfera effervescente, un dinamismo rapido e ben organizzato che non rinuncia al gusto del gioco, dell'illusione, della sorpresa. Ed è l'attore il protagonista che racconta scena dopo scena, suono dopo suono, immagine dopo immagine, il luogo e la storia ad esso legata. E come d'incanto la luce illumina il percorso del visitatore, diventa protagonista con le arti visive sprigionando in lui intense emozioni. Il risultato è un allestimento scenico, una vera e propria installazione temporanea, un'architettura virtuale nell'architettura reale. Un progetto multimediale dove la sintesi tra luci, suoni, immagini e racconti assumono un valore narrativo ed espressivo particolarmente coinvolgente. un progetto temporaneo, un laboratorio sperimentale pensato per promuovere luoghi segnati dalla storia che hanno tracciato l'identit? di un territorio straordinario e della sua gente.
Caratteristiche significative Il concept "Suoni e visioni" si presenta come un particolare format spettacolare capace di coniugare in un mix armonico di linguaggi, forme di spettacolo, momenti di profonda cultura, promozione di saperi locali del territorio e della sua comunit?. Seguendo una precisa ritmica propria dello spettacolo inteso come percorso visionario del borgo antico di Spinoso, grazie al supporto della luce teatrale, di immagini virtuali, e straordinari momenti legati ai suoni etnici del mediterraneo, il bene si presenta e si rappresenta in tutta la sua magnificenza.
Bibliografia
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive
Attivita' proposte La mission di "Suoni e visioni" è quella di raccontare, ridisegnandone le forme con luce, suoni e immagini, architetture e luoghi dal fascino incantevole della Basilicata. Il centro storico di Spinoso, con le sue straordinarie architetture in pietra, diventer? il naturale teatro delle arti.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? No, da realizzare per la prima volta
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Far diventare il borgo antico di Spinoso un'officina sperimentale della creativit?.
Da realizzare: un'illuminazione di forte impatto scenografico che scolpir? le architetture di pietra millenaria. Un design illuminotecnico rigorosamente immaginifico dove la luce diventa protagonista con le proiezioni multimediali sulle facciate più importanti del borgo, con il compito di raccontare luoghi e storie di uomini e cose.
La pietra illuminata diventa storia e quindi protagonista di riti che si fondono tra sacro e profano. Una voce narrante si alterner? tra suoni e visioni raccontando territori e storie ad esso legate. Quasi come in un film, ogni angolo dell'antico borgo di Spinoso avr? un protagonista diverso la cui mission sar? sempre quella di legare in un indissolubile pathos, pubblico, luogo, suono, visione e luce. Grande importanza sar? dedicata ai suoni etnici del mediterraneo che racconteranno le sonorit? etniche legate al territorio. Il visitatore vivr? il racconto quasi come un persorso sensoriale incontrando sul suo tragitto strabilianti visioni dinamiche rese possibili grazie all'utilizzo del visual mapping, una tecnica digitale di proiezione in 3D, applicata a superfici di grandi dimensioni come monumenti, palazzi, e portali. Tutto ci? dar? origine ad un risultato visivo unico e spettacolare dando in tal modo vita alle superfici architettoniche.
Calendario attivita' Primo anno: nel mese di agosto si prevedono sei serate suddivise in tre week end.
Secondo anno: nel mese di agosto si prevedono sei serate suddivise in tre week end.
Terzo anno: nel mese di agosto si prevedono sei serate suddivise in tre week end.
Piano dei costi Euro 180.000 suddivisi in euro 60.000 per il 2016, euro 60.000 per il 2017 e euro 60.000 per il 2018.
Piano dei ricavi Non sono previsti dei ricavi diretti ma un ritorno economico per le attivit? commerciali e produttive in paese grazie all'afflusso di visitatori.
Partecipazione comunita' La partecipazione della comunit? è parte integrante del progetto, lo è nella fase di preparazione partecipando in vario modo all'allestimento in quanto pubblico residente, protagonista dell'evento. A diverso titolo si coinvolgeranno compagnie teatrali del luogo per raccontare storie legate al territorio e alle sue tradizioni. Di fondamentale importanza il coinvolgimento delle varie associazioni che concorreranno nell'arricchire il programma dell'evento con l'integrazione di momenti di spettacolarit? legata alla promozione e aspetti della cultura e delle tradizioni identitarie.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile