Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI VALSINNI
Codice fiscale/Partita IVA 00315220772
Comune Valsinni
CAP 75029
PEC comune.valsinni@cert.ruparbasilicata.it
Legale rappresentante GAETANO CELANO
Responsabile del procedimento
Nominativo FRANCESCO TAGLIENTE
Email francesco.tagliente@rete.basilicata.it
Telefono 0835818038
Ruolo Responsabile Ufficio Tecnico Comunale
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene LAGARIA - Le origini.
Localizzazione
Luogo culturale Valsinni, piccolo borgo della provincia di Matera, è oramai una realt? nota ed stimata nel contesto culturale lucano, distintasi, da oltre venticinque anni, grazie alle apprezzate iniziative di animazione e promozione legate al Parco letterario intitolato alla poetessa Isabella Morra. NeI corso di questi anni il Comune, in sinergia con la Pro Loco, ha valorizzato le varie risorse del territorio per incrementare l'offerta culturale ed offrire una proposta di visita ampia e diversificata. I luoghi, infatti, di cui gode la cittadina, rappresentano non solo la fonte di ispirazione dei testi poetici della Morra, ma hanno una propria identit? storica che risale a secoli precedenti e di cui si è discusso e approfondito il tema attraverso diversi incontri, che hanno visto protagonisti figure specializzate che ne hanno reso vivo il valore storico. Tra queste eccellenze, l'Archeologo Dinu Adamesteanu,il Dott. Salvatore Bianco ed il Professore Lorenzo Quilici, che, dopo aver condotto degli scavi archeologici, ha dedicato alla realt? individuata sul Monte Coppola, una pubblicazione all'interno della Carta archeologica della Valle del Sinni (vd. bibliografia). Tali beni immateriali rappresentano l'identit? culturale di una intera comunit?, all'interno della quale si è distinto il ruolo del Parco Letterario nella divulgazione e diffusione della memoria storica e dell'Amministrazione comunale nella realizzazione di opere di fruibilit?.
Localizzazione geografica La memoria storica della figura mitologica di Epeo e della citta da lui fondata è collegata direttamente con la presenza tangibile di un sito archeologico localizzato sulla vetta di Monte Coppola, che domina la cittadina di Valsinni e il fiume Sinni. La citt?, le cui mura risalgono al IV secolo a.C., occupa una cima impervia, prospettando con suggestione le rovine di una cinta fortificata in opera poligonale. E' stato proposto da valenti studiosi di riconoscere in questa citt? Lagaría, una citt? - fortezza che le fonti letterarie e geografiche antiche citano tra Sibari, il fiume Sinni e Grumentum . E' suggestivo constatare che proprio la radice del nome di Lagaría intende "terreno franoso per le pietraie", cos? come è caratteristico questo monte, di calcare dirupato e sconvolto dai detriti del suo disfacimento. I luoghi, intesi come scenari paesaggistici e di antichi mestieri (carbonai, scalpellini), costituiscono l'identit? del paese e dell'intera comunit? valsinnese che riconosce nella presenza del sito e dei suoi racconti (la stessa Isabella Morra ascende al monte) le origini della propria storia millenaria. Come il castello feudale e il borgo medievale, il fiume Sinni e il Monte Coppola rappresentano non solo i luoghi-simbolo di una vicenda umana e poetica risalente al '500, ma conservano, al contempo, storie e leggende riguardanti epoche precedenti, narrate da scrittori illustri come Archiloco e Plinio il Vecchio, che vedono attori delle storie personaggi reali e mitologici, come Pirro ed Ercole, e che destano suggestioni uniche nell'animo del visitatore.
In questo contesto, tra mito e storia, nasce l'idea di raccontare le origini di una comunit? attraverso la rappresentazione teatrale dell'arrivo di Epeo e della fondazione della mitica citt? di Lagaria, che avr? come protagonisti i luoghi custodi di voci e racconti.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Linguistica (dialetti, ...)
- Artistica
- Saperi tecnici e artigianali
- Territoriale-ambientale
Valutazione interesse culturale La rappresentazione teatrale sulla figura di Epeo e della citt? di Lagaria rientra tra le iniziative promosse dall'Amministrazione Comunale all'interno delle attivit? culturali del Parco letterario "Isabella Morra". Il Parco letterario è diventato un autentica officina creativa, in grado di sviluppare le numerose risorse storiche appartenenti alla comunit? ed evidenziate nel corso degli anni. Questa attenzione rivolta all'autenticit?, intesa come "unicit?" del territorio, ha consentito il brulicare di diverse iniziative atte a diffondere l'esistenza di altri importanti elementi della storia locale agli stessi membri della comunit? valsinnese, consapevoli, in tal modo, di essere depositari di ulteriori interessanti aspetti storici. Il senso vero di una realt? che, inoltre, si fregia del Marchio di "Bandiera Arancione" e della denominazione di Parco letterario, sta nel riscoprire la propria "Origine", una realt? "autentica", non rappresentabile in altri contesti, che vede nelle future generazioni i custodi e i diffusori della propria identit?, recepita attraverso una consapevolezza generata nel corso di questi intensi e prolifici anni, che hanno reso ogni abitante del luogo più cosciente del proprio senso di appartenenza. Questa realt? consolidata, oramai, rappresenta un'opportunit? di occupazione, ma soprattutto attesta la validit? del concetto che "cultura" pu? essere sinonimo di economia, e che si pu? creare un vero e proprio esempio di "impresa cittadina", che, per?, non pu? alimentarsi solo grazie all'entusiasmo e all'impegno di figure professionali e volontarie, ma che necessita, dal momento che è stata inserita da anni tra gli attrattori più importanti della Regione dall'APT, di risorse adeguate per sostenerla nelle proprie iniziative, proiettate verso un futuro, che ci conduce verso "MATERA 2019", che va sostenuta e rappresentata con idee degne dell'importante riconoscimento che una Regione "intera" ha ottenuto.
Contesto L'odierna Valsinni un tempo si chiamava Favale, ed è documentato fin dall' XI secolo col nome di "Fabalis" ed, ancora, con quelli di "Favacie", "Favacia", in atti del 1092-1093, del 1171 e del 1177. La tradizione vuole che il paese sia stato fondato dai profughi di Serra Maiori. Ma il periodo storico più antico e affascinante, e sul quale da anni si concentra l'attenzione culturale del luogo, è il IV secolo, periodo fertile e vivo, testimoniato dalla presenza di fortificazioni che cingono tutto il Monte Coppola, vedetta del centro abitato, che dimora alle sue pendici, e che rappresentano una vitale funzione strategica di questo caposaldo, posto nel passaggio tra le montagne dell'interno e le piane costiere, all'interno delle quali è custodita un'acropoli. La leggenda vuole che il suo fondatore sia Epeo, il costruttore del cavallo di Troia. Ricerche storiche ed archeologiche hanno consentito di ricostruire i momenti di vita di una realt? che possedeva tradizioni, usi e costumi, oltre che riti e miti, utili per un ulteriore materiale delle attivit? di animazione culturale del Parco Letterario. Illustri le figure che rappresentano l'autorevolezza delle fonti: Strabone, Plinio Il Vecchio, Stefano di Bisanzio, Giustino , il poeta greco Archiloco. Quest'ultimo racconta del fiume "Siri", sulle cui rive Eracle affront? ed uccise il mostro Idra. L'"alto monte", dunque, ovvero Monte Coppola e il "torbido Siri", oggi il Sinni, che da nome alla Siritide, cantati entrambi rispettivamente da Isabella Morra e dai numerosi storici sopra citati, protagonisti sia di una letteratura cinquecentesca sia della storia e mitologia greca, rappresentano la valenza culturale di un territorio che vuole continuare in un'opera di valorizzazione e riscoperta nuove, affinchè i valsinnesi, in primis, acquisiscano sempre più un senso di appartenenza, necessario per promuovere ed attirare anche i visitatori amanti delle escursioni archeologiche e renderli partecipi di una simile variegata offerta.
Descrizione modalita' di gestione Il Comune, in collaborazione con le professionalit? del luogo, private ed Associative (Parco letterario, Pro loco, ecc.), si impegna nella valorizzazione culturale dei beni immateriali, avvicinando le nuove generazioni attraverso una serie di iniziative coinvolgenti, atte a stimolarne la curiosit? e la competenza, affinché possano essere non solo i beneficiari di un sapere unico ed autentico, ma, soprattutto, gli attori in grado di salvaguardarlo e trasmetterlo nel tempo. Per questo motivo è necessario rivolgersi alle scuole e ai giovani residenti, rafforzando le forme di sensibilizzazione dirette, che possano avere come protagonisti del progetto le nuove generazioni valsinnesi, impegnandoli nella rappresentazione e promozione della propria storia, per continuare ad esserne i veri rappresentanti.
Caratteristiche significative All'interno del programma di promozione e valorizzazione del luogo, egregiamente svolto nel corso di questi anni dal lavoro di un Parco Letterario sempre produttivo, si porter? a conoscenza un altro aspetto della storia valsinnese, che si identifica nelle figure storico-mitologiche di Epeo e della stessa citt? di Lagaria, le cui voci, da secoli dimorano sulla vetta del monte Coppola e, allo stesso tempo, offrire un'occasione per conoscere luoghi dalla forte valenza archeologica, in grado di arricchire ulteriormente un'offerta turistica gi? apprezzata e stimata.
Bibliografia 1. Bibliografia: Quilici Gigli S. e Quilici L. (a cura di), La Carta archeologica della Valle del Sinni. Vol. X Fascicolo 2, 2002.
2. Quilici L., « Valsinni. La guardia del passo tra alto e basso corso del fiume », in ATTA 6, 1997, pp. 241-260.
3. Bianco S., « Monte Coppolo (comune di Valsinni) (Matera) », in StEtr LVI, 1989-1990, pp. 606-607.
4. Bianco S., (a cura di), Area archeologica di Monte Coppolo. Rilievo plano-altimetrico, Scala 1 :1000, Soprintendenza Archeologica della Basilicata, DG Rilievi s.r.l. 1981.
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive L'Amministrazione Comunale di Valsinni preveder? nel proprio bilancio
una somma annua pari ad euro 3.000,00.
Attivita' proposte Piano delle attivit?:
1) Incontro-dibatto sul senso di appartenenza e consapevolezza storica delle proprie origini;
2) Convegno sulle emergenze archeologiche e azioni di valorizzazione territoriale nella valle del Sinni;
3) Rappresentazione teatrale "Lagaria - Le origini";
4) Escursioni naturalistico-archeologiche guidate.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? No, da realizzare per la prima volta
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare 1) Incontro-dibatto sul senso di appartenenza e consapevolezza storica delle proprie origini;
2) Convegno sulle emergenze archeologiche e azioni di valorizzazione territoriale nella valle del Sinni;
3) Rappresentazione teatrale "Lagaria - Le origini";
4) Escursioni naturalistico-archeologiche guidate.
Calendario attivita' Anno 2016
Incontro-dibatto sul senso di appartenenza e consapevolezza storica delle proprie origini;
2) Convegno sulle emergenze archeologiche e azioni di valorizzazione territoriale nella valle del Sinni;
3) Rappresentazione teatrale "Lagaria - Le origini";
4) Escursioni naturalistico-archeologiche guidate.
Anno 2017
1)Rappresentazione teatrale "Lagaria - Le origini";
2) Escursioni naturalistico-archeologiche guidate.
Anno 2018
1)Rappresentazione teatrale "Lagaria - Le origini";
2) Escursioni naturalistico-archeologiche guidate;
3) Convegno: il contributo culturale di Valsinni "Bandiera Arancione" all'affermazione di "Matera - capitale della cultura 2019"

Piano dei costi 2015 - Euro 60.000,00
2016 - Euro 50.000,00
2017 - Euro 50.000,00
Piano dei ricavi 2015 - Euro 10.000,00
2016 - Euro 10.000,00
2017 - Euro 10.000,00
Partecipazione comunita' Il Comune di Valsinni ha investito sulla riqualificazione e valorizzazione dei luoghi con azioni di ripristino della sentieristica (mis. 227 e 313 del PO FEASR 2007-2013 della Regione Basilicata). Tali azioni consentono la piena fruibilit? dei luoghi interessati dall'evento. Si prevede la partecipazione della comunit? valsinnese come protagonista e fruitrice delle manifestazioni programmate, oltre alla presenza di studiosi del settore (archeologi), di attori gi? inseriti nel contesto del Parco Letterario "Isabella Morra".
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile