Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione SANT'ARCANGELO
Codice fiscale/Partita IVA 80000110768
Comune Sant'Arcangelo
CAP 85037
PEC protocollosantarcangelo@ebaspec.it
Legale rappresentante VINCENZO NICOLA PARISI
Responsabile del procedimento
Nominativo LUCIA MARIA ROSARIA FINAMORE
Email luciafinamore66@gmsil.com
Telefono 3494546576
Ruolo ASSESSORE ALLA CULTURA
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene LA LEGGENDA DI ORSOLEO
Localizzazione
Luogo culturale COMUNE DI SANT’ARCANGELO - ASSOCIAZIONE PROLOCO DI SANT'ARCANGELO
Localizzazione geografica COMPLESSO MONUMENTALE DI SANTA MARIA DI ORSOLEO - MUSEO SCENOGRAFICO. L'OBIETTIVO E' QUELLO DI AVERE UNA FORTE RISONANZA CULTURALE E TURISTICA, NON SOLO A LIVELLO REGIONALE MA ANCHE A LIVELLO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE PER FAR CONOSCERE E RIVIVERE ATTRAVERSO QUESTA MANIFESTAZIONE LA LEGGENDA DI ORSOLEO
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
- Artistica
- Santità e vissuto religioso
Valutazione interesse culturale La manifestazione “LA LEGGENDA DI ORSOLEO” vuole porsi come luogo di narrazione puntuale e continua di una porzione di storia della Basilicata che interessa gli anni compresi tra il 1400 ed il 1500.
Anni in cui, i Conti della Marra, fecero costruire, sulla sponda destra del fiume Agri, “Il Viridario” divenuto poi “La Cavallerizza”. Palazzo nel quale viveva il Conte Eligio della Marra e nelle cui scuderie venivano allevati e selezionati cavalli di un' antica e pregevole razza: i “Napolitani”. Eligio della Marra, proprio con questi cavalli, partì alla volta di Orsoleo, dove c’era una piccola chiesetta consacrata alla Vergine Maria, seguito dai suoi cavalieri, per affrontare e sconfiggere il drago, invocando l’intercessione della Vergine di Orsoleo. Nel luogo dove sconfisse il drago, fece erigere il monastero consacrandolo a Santa Maria di Orsoleo. Negli anni successivi, in onore di Eligio della Marra e della Madonna, si tenevano in quei luoghi tornei di cavalieri per ricordare l’impresa del Conte della Marra. Nella tradizione popolare santarcangiolese questi tornei sono stati sostituiti, negli anni, dai festeggiamenti in onore della Vergine di Orsoleo.
Il tutto viene ripreso con il racconto di eventi storici e fantasiosi strettamente connessi alla leggenda del drago attraverso la sceneggiatura e rappresentazione teatrale di un racconto fantastico, da pubblicare, scritto da Giuliana Ciaccia Pugliese dal titolo “Il sogno di Rosita”.
L'obiettivo della manifestazione è quello di raccontare, attraverso questo evento anche ai più giovani ed ai turisti che visitano Orsoleo, oltre che la storia di Orsoleo anche la sua famosa leggenda.
Contesto La manifestazione vuole essere un punto di partenza per un’esperienza di cultura medioevale e storica, mediante il racconto in chiave sia storica che fantastica del medioevo lucano attraverso la ricostruzione di una giostra con cavalieri in armatura e figuranti in costume, il tutto nel contesto del complesso monumentale di Santa Maria di Orsoleo, con l’intento di far rivivere la leggenda del drago sconfitto dal Conte Eligio della Marra.
Descrizione modalita' di gestione La manifestazione consente di avviare un processo organizzativo che mira a far riscoprire il medioevo lucano e le antiche leggende strettamente connesse al Monastero di Santa Maria di Orsoleo ed all’intero territorio di Sant’Arcangelo, raccontando il tutto in chiave storico – fantastica, con la pubblicazione di un racconto che servirà da spunto per la successiva nascita di un evento stabile per la rappresentazione teatrale della storia.
Caratteristiche significative La manifestazione si realizzerà per 2 giorni in maniera continuativa, con attività che animeranno il complesso monumentale di Santa Maria di Orsoleo dalla mattina alla tarda sera. Inoltre “Sant’Arcangelo – Storie medioevali” sceglie quelle date per porsi in continuità con la festa religiosa che coinvolge il Monastero di Santa Maria di Orsoleo nei giorni 7 e 8 settembre, rinvigorendo l’ormai persa tradizione di animare e popolare la sede conventuale non solo da parte della comunità santarcangiolese, ma anche da parte di tutti quei cittadini culturali e temporanei che saranno coinvolti, anche per fini turistici, all’interno dell’iniziativa, sia in ambito regionale che nazionale.
Bibliografia - PENNETTI G. NOTIZIE STORICHE NAPOLI 1899
- CARLO LEVI CRISTO SI E' FERMATO AD EBOLI TORINO, EINAUDI 1977
- GUIDA Alla Visita del Convento di Santa Maria di Orsoleo ADAFOR EDIZIONI DICEMBRE 2017.
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive La manifestazione nelle sue componenti spettacolari si realizzerà per due giornate, in date da stabilire, nel periodo compreso tra il 20 agosto ed il 7 settembre.
Attivita' proposte La manifestazione ha come fulcro il medioevo lucano e la leggenda di Orsoleo, con particolare attenzione alla leggenda del drago, strettamente legata al territorio ed al complesso monumentale di Santa Maria di Orsoleo, mediante performance teatrali, per farne un attrattore per un evento stabile successivamente al triennio 2018-2020. Sono inoltre previsti momenti musicali utili a salvaguardare la memoria dei canti lucani ed attività enogastronomiche utili a proporre la cucina tipica santarcangiolese.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? No, da realizzare per la prima volta
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare E’ in corso di perfezionamento un piano di valorizzazione, della durata di 3 anni, che consenta di rendere la manifestazione evento stabile e di punta nel calendario culturale santarcangiolese.
Le attività proposte sono:
- Giostra di cavalieri e figuranti in abiti medioevali con allestimento del campo per ricreare un ambiente storico;
- Pubblicazione di un racconto storico – fantastico sulla leggenda del drago, già in bozza della scrittrice Giuliana Ciaccia Pugliese dal titolo “Il sogno di Rosita”;
- Momenti musicali per la rivisitazione del repertorio artistico lucano con mostra a tema;
- Percorso enogastronomico a tema con ricette tipiche santarcangiolesi.
Calendario attivita' La manifestazione si realizzerà per due giornate, in date da stabilire, nel periodo compreso tra il 20 agosto ed il 7 settembre degli anni 2018 – 2019 – 2020.
Piano dei costi - Per realizzare il tutto da un'analisi dei costi occorre avere 100.000,00 euro in tre anni così suddivisi:
Prima annualità 2018: lancio del format € 40.000,00;
Seconda annualità 2019: mantenimento format e inserimento partners privati: € 40.000,00;
Terza annualità 2020: consacrazione definitiva su lancio nazionale ed internazionale anche con sponsorizzazioni private e partners privati : € 20.000,0
Piano dei ricavi In tre anni i ricavi previsti iper l'economia locale sono di circa 60.000,00
CONSIDERANDO L'AFFLUSSO TURISTICO E DELLE SCOLARESCHE CHE VENGONO A VISITARE OGNI ANNO ORSOLEO ED IL MUSEO SCENOGRAFICO
Partecipazione comunita' La location che fa da cornice alla manifestazione rappresenta un angolo importante non solo per la comunità santarcangiolese, quanto anche per quelle dei borghi limitrofi. Saranno inoltre componente attiva le associazioni culturali già presenti e attive sul territorio nonché il museo scenografico La partecipazione della comunità avviene già attraverso il racconto della leggenda di Orsoleo degli anziani alle nuove generazioni.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile