Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Riferimenti dell'Ente
Qualificazione giuridica Comune
Denominazione COMUNE DI SANT'ARCANGELO
Codice fiscale/Partita IVA 80000110768
Comune Sant'Arcangelo
CAP 85037
PEC protocollosantarcangelo@ebaspec.it
Legale rappresentante VINCENZO NICOLA PARISI
Responsabile del procedimento
Nominativo LUCIA MARIA ROSARIA FINAMORE
Email luciafinamore66@gmail.com
Telefono 3494546576
Ruolo ASSESSORE ALLA CULTURA
Denominazione del bene intangibile
Nome del bene VENTUNORA A SANT'ARCANGELO
Localizzazione
Luogo culturale COMUNE DI SANT'ARCANGELO - CENTRO STORICO - PERCORSO URBANO ALLA RISCOPERTA DEI LUOGHI DI INCONTRO SOCIALE DI UNA VOLTA.
Localizzazione geografica LA MANIFESTAZIONE SI SVOLGERA' OGNI ANNO NEL PERIODO ESTIVO NEL CENTRO STORICO DI SANT'ARCANGELO VISITANDO LE CANTINE PRESENTI NEL TERRITORIO LUOGO IN CUI SI SVOLGEVA SOLITAMENTE IL VENTUNORA. IL VENTUNORA è LA STORIA DI TANTE STORIE, VIAGGIO NEL TEMPO. LEGGENDO, SEMBRA QUASI DI UDIRE LE POESIE DI ORAZIO SPANI, LE RISA DEGLI UOMINI CHE, STANCHI, RIENTRANDO DAI CAMPI, SI RADUNAVANO NELLE GROTTE CHE TRASUDUVANO STORIA E FRESCURA PER ATTENDERE LA SERA. SEMBRA DI SENTIRE I PASSI INCERTI DI DONNA FRANCESCA CHE SI PERDEVA PER I VICOLI DEL PAESE AVVOLTI DAL BUIO, SEMBRA SCORGERE IL VECCHIO DON ANDREA CHE ATTENDEVA, SUL BALCONE DEL SUO PALAZZO, LA PROCESSIONE DEL SANTO PADRONE, SI HA L'IMPRESSIONE DI ASSAPORARE QUEL VINO DENSO E SCURO DEI VIGNETI, ORMAI SCOMPARSI DI SAN BRANCATO.
LA MANIFESTAZIONE HA COME OBIETTIVO QUELLO DI FAR RISCOPRIRE QUESTO RITUALE COM'è STATO TRAMANDATO DALLA TRADIZIONE E SCRITTO NEL VOLUME IL "VENTUNORA A SANTARCANGELO" DI NICOLA SANSANELLI.
L'OBIETTIVO E' QUELLO DI AVERE UNA FORTE RISONANZA CULTURALE-ANTROPOLOGICA E TURISTICA, NON SOLO A LIVELLO REGIONALE MA ANCHE A LIVELLO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE COME RACCONTAVA IL SANSANELLI NEL SUO VOLUME PUBBLICATO NEL LONTANO FEBBRAIO DEL 1946.
Descrizione del bene
Aree tematiche - Storica (momenti, aspetti/problematiche, protagonisti)
- Demoetnoantropologica (Tradizioni, riti, ...)
Valutazione interesse culturale Il progetto valorizza il patrimonio storico-culturale immateriale della città di Sant' Arcangelo, ponendo al centro uno degli elementi che più ha caratterizzato – nei secoli – la vita sociale santarcangiolese (e dell’intera area), cioè quello del “Ventunora”.
Il Ventunora rappresenta il momento conviviale per eccellenza, che ha luogo nelle cantine private, in cui la comunità si auto-rappresenta e rinsalda i propri rapporti sociali, per mezzo del cibo, del vino, del gioco, della conversazione, ecc.
Le attività artistico-culturali che il progetto mette in campo (quali docu-film, rappresentazioni teatrali, reading) prendono le mosse dal Ventunora e dalla serie di racconti e testimonianze lasciate da Nicola Sansanelli, per arrivare a restituire un’immagine viva e intensa delle figure popolari e intellettuali che hanno caratterizzato la vita della cittadina nel corso del ‘900.
Seguendo questa linea, il progetto viene ad assumere anche un interesse turistico, poiché propone una serie di eventi replicabili, che si vanno ad inserire nella più generale offerta turistica santarcangiolese, promuovendo così la fruizione culturale come elemento positivo di sviluppo economico.
E’ un rituale che, oramai, rischia di scomparire a Sant'Arcangelo, e allora da qui l'idea di farlo scoprire alle nuove generazioni attraverso il racconto degli anziani, in modo tale da essere anche una funzione sociale e di collegamento fra due diverse generazioni a confronto.
Contesto Il ventunora è legato ad una valenza antropologica e culturale, espressione della propria comunità, in quanto il significato del rito è incentrato principalmente sul ritrovo in un luogo, che veniva definito come salotto ideale che era appunto la cantina per incontrarsi subito dopo l'attività lavorativa e "CONVERSARE" raccontandosi segretamente fra i presenti tutto quello che succedeva quotidianamente all'interno della comunità santarcagiolese. Infatti, il Sansanelli racconta nel suo volume: "a ventun'ora, prima dell'ave maria, lo scampanio gioioso del campanile della chiesa parrocchiale di San Nicola suonava come il "cessate il foc, zaini a terra! " delle manovre militari. Nelle campagne si radunavano per il ritorno, che era in massa e pittoresco. In paese si andava in piazza. Piazza Piccola e Piazza Grande. Dalle due piazze, composte le brigate, si scivolava nelle cantine alla spicciolata, per la conversazione. Il ventunora non si solennizzava nella cantina di tutti, la rivendita o la bettola, ma nelle suggestive cantine delle famiglie. Sono dei tratti di galleria a tutto sesto scavati nella compatta roccia renaria che è il segreto della miracolosa stabilità dell'abitato che vi regge sopra, traforata in tutti i sensi e aggredita dalle frane; completano l'arredamento di questi"salotti" le botti allineate sui lati, precedute dai grandi tini per la vendemmia con in fondo un ripostiglio a gradini ricavati dallo stesso masso, una specie di sacrario delle riserve del vino pregiato delle annate precedenti.
Visto il successo dei vini lucani negli ultimi anni e la risonanza avuto a livello turistico l'obiettivo è proprio quello di far gustare questa divina essenza ai turisti attraverso il rituale del ventunora e creare cosi un percorso enogastronomco che diventi un momento di scambio culturale e sociale per raccontare il proprio territorio. In modo tale da portare un valore aggiunto
al nostro territorio vista la crescente presenza di turisti, anno per anno, portando così un risvolto anche economico per la nostra comunita' e le attività commerciali in essa collocate.
Descrizione modalita' di gestione Il progetto ed il recupero della tradizione del ventunora a Santarcangelo viene curato e gestito dall'assessorato alla cultura di Sant'Arcangelo e da un gruppo di volontari locali, con il patrocinio del comune. La tradizione viene tramandata e fatta conoscere attraverso incontri, letture e racconti con la partecipazione delle persone del posto di ogni eta'.
In modo particolare viene affidato alle persone di età più avanzata, l'incarico di raccontare e trasmettere alle nuove generazioni l'idea del recupero, della salvaguardia e rivitalizzazione del nostro ventunora.
Da Gennaio 2018 è nata l'idea di creare una “RETE" con i comuni limitrofi e le associazioni per lanciare un progetto dedicato alla scoperta dei vini del posto ed ad una degustazione diversa dal solito copione come può essere appunto il "ventunora di Sant'Arcangelo". Con l’obbiettivo di creare un calendario unico ed itinerante per un percorso turistico che abbia luogo nel periodo della vendemmia e nel periodo estivo attraverso i borghi coinvolti nella rete. (Area grottino: Roccanova, Sant'Arcangelo).
Caratteristiche significative La peculiarita' del ventunora a Sant'Arcangelo è la sua originalità ed unicità dell'evento. Manifestazione che coinvolge tutta la comunità e che verrà ripetuto ogni anno nel periodo estivo e della vendemmia. Riportando alla luce tradizioni e cultura che rischiano di scomparire e tramandando con esse la passione, la naturalezza e la capacità di immedesimarsi nel ventunora.
Bibliografia - Nicola Sansanelli: Ventunora a Santarcangelo". Fausto Fiorentino Editore Napoli 1966
- Luigi Branco: Sant'Arcangelo ed un suo poeta popolare Orazio Spani. Edizioni Libreria Delta 1978
- Donato Verrastro-Elena Vigilante: Per una storia delle classi dirigenti meridionali. Il caso lucano.
-
Piano di salvaguardia proposto
Risorse aggiuntive 1) risorse pubbliche
2) sponsorizzazioni private
3) contributi volontari
Attivita' proposte Le attività artistico-culturali che il progetto mette in campo (quali docu-film, rappresentazioni teatrali, reading) prendono le mosse dal Ventunora e dalla serie di racconti e testimonianze lasciate da Nicola Sansanelli, per arrivare a restituire un’immagine viva e intensa delle figure popolari e intellettuali che hanno caratterizzato la vita della cittadina nel corso del ‘900.
Creando, così, un format che mantenga viva tutto l'anno la tradizione, con convegni-incontri, e in ottica di una destagionalizzazione della manifestazione si vuole creare uno spettacolo teatrale itinerante per le vie del borgo in modo da valorizzarlo e legarlo con più forza alla tradizione stessa e creare così una capacità attrattiva spendibile insieme ad altri punti di forza del territorio, come il complesso monumentale di Santa Maria Orsoleo, il Museo scenografico, ed il progetto già rientrato fra i beni intangibili della Basilicata: Sant'Arcangelo racconta la Basilicata. Idee per un viaggio sensoriale.
E' gia' stato attivato un piano per la salvaguardia/rivitalizzazione e valorizzazione/fruibilita'? Si, da 1 a 3 anni
Descrizione attivita' realizzate o da realizzare Attività realizzata: rappresentazione teatrale-
Attività da realizzare: Rappresentazione teatrale itinerante diretta dal regista-attore Erminio Truncellito e scritta dal Scientific Coordinator dell'Istituto Alti Studi Euro Mediterranei dott. Pierpaolo Grezzi.
Cortometraggi liberamente tratti dalle novelle del Ventunora a Santarcangelo di Nicola Sansanelli realizzati da Film Maker: Francesco De Marco e Felicia Ferrara
Calendario attivita' - Programmazione periodo estivo e della vendemmia per promuovere il ventunora e la degustazione dei vini locali (AREA Grottino) in coordinazione con la rete dei comuni.
- Docufilm e rappresentazione teatrale coinvolgendo figure professionali e di spessore in questo ambito, oltre alla gente del posto.
- Percorso enogastronomico legato ai piatti tradizionali del posto come raccontato nel ventunora di Nicola Sansanelli e la riscoperta del ruolo della donna santarcangiolese nel ventunora.
Piano dei costi Per realizzare il tutto da un'analisi dei costi occorre avere 120.000,00 euro in tre anni così suddivisi:
Prima annualità 2018: lancio del format € 50.000,00;
Seconda annualità 2019: mantenimento format e inserimento partners privati: € 40.000,00;
Terza annualità 2020: consacrazione definitiva su lancio nazionale ed internazionale anche con sponsorizzazioni private e partners privati : € 30.000,00.
Piano dei ricavi In tre anni i ricavi previsti iper l'economia locale sono di circa 70.000,00
Partecipazione comunita' La partecipazione della comunità avviene già attraverso la partecipazione ai racconti fra anziani e nuove generazioni, all'organizzazione di piccoli buffet durante il percorso itinerante ed all'apertura delle proprie cantine per il ventunora e la partecipazione alla realizzazione dei cortometraggi e del docufilm.
Stato della progettazione Progettazione esecutiva e cantierabile