Attenzione! Il browser in uso è obsoleto e si potrebbero verificare anomalie nella visualizzazione o durante la procedura, si consiglia di installare un browser aggiornato.
Patrimonio culturale della Basilicata Regione Basilicata
Accedi

Presentazione - Rilevazione patrimonio culturale della Basilicata

La base imprescindibile di ogni attività di programmazione è indubbiamente la disponibilità di informazioni aggiornate, verificabili e confrontabili, trasparenti e pubbliche.

Con una preziosa collaborazione tra uffici regionali (ufficio Sistemi Culturali e Turistici. Cooperazione internazionale, Ufficio Gestione Regimi di aiuto e Infrastrutture sportive, culturali ed ambientali ed Ufficio società dell'informazione), è stata predisposta una piattaforma on line che consentirà, con procedura esclusivamente telematica, di acquisire preziose informazioni sul patrimonio culturale regionale, di proprietà non statale, sia tangibile (beni immobili e mobili) sia intangibile (il patrimonio immateriale costituente l'elemento essenziale della identità culturale lucana).

La Giunta regionale, con DGR n.1198 del 2014, ha autorizzato questa importante ricognizione, nella convinzione della sua utilità per l'adozione di futuri programmi di volta in volta da definire, a valere su risorse comunitarie statali e regionali, di completamento, nell'ottica dell'"ultimo miglio", e valorizzazione di beni culturali pubblici finalizzati alla fruizione turistica, da mettere eventualmente a disposizione per una gestione profit da parte di terzi.

Quali informazioni vengono richieste e per le quali si chiede la massima collaborazione da parte dei detentori di tali beni? Informazioni circa lo stato di conservazione, le modalità attuali di valorizzazione, gestione e fruizione, le tipologie di servizi attivabili stante la caratteristiche fisiche, spaziali e funzionali dei singoli beni, l'ammontare delle risorse necessarie ai fini di un completamento della funzionalità e la messa in fruizione del bene nonché circa la disponibilità a sottoscrivere eventuali intese istituzionali per la futura messa a disposizione del bene a terzi da selezionare tramite opportune procedure di evidenza pubblica ovvero ad attivare forme di gestione diretta ove se ne ravvisi la convenienza e la possibilità organizzativa.

L'obiettivo è essere in grado, nell'immediato e comunque nei primi mesi di avvio della nuova programmazione PO FESR 2014/2020, di dare corso ad investimenti, sia pubblici che privati, in grado di trasformare spazi e luoghi recuperati in luoghi vivi di produzione culturale e di creatività, generanti occasioni di sviluppo a scala locale in termini di nuove attività economiche connesse alla gestione dei beni culturali, occasioni di lavoro e possibilità di reddito.

Il Presidente della Giunta regionale
Marcello Pittella

Scarica la presentazione INCONTRO SINDACI-TASK FORCE BENI CULTURALI (.ppsx)